Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Disinnesco bomba al Casilino

domenica la rimozione, ospedale già sgomberato

Una decina di ambulanze hanno già trasferito i degenti dei reparti di Medicina di urgenza e Chirurgia all'Ospedale di Tor Vergata al fine di evacuare l'edificio ospedaliero e l'area circostante al Policlinico Casilino. Nelle prime ore di domenica infatti si provvederà alla rimozione dell'ordigno della II Guerra mondiale, una bomba d'aereo di circa 250 chili, ritrovato lo scorso 24 febbraio proprio nelle vicinanze del Policlinico, la bomba sarà poi fatta brillare in un luogo sicuro.

Lo sgombero dei pazienti del Casilino è durato poche ore. Dalle sette alle undici di questa mattina 25 persone sono state accompagnate dalla protezione civile al Policlinico di Tor Vergata. L'operazione però ha coinvolto circa 200 malati.

L'operazione di sgombero è stata difficile ma è riuscita senza intoppi. "È importante ringraziare il Policlinico di Tor Vergata - aggiunge Antonio D'Urso, direttore sanitario della Asl Roma 5, da cui dipende il Casilino - che ci ha messo a disposizione un'area dell'ospedale dove i pazienti verranno trasferiti e seguiti dal nostro personale medico e, in alcuni casi, anche dalle nostre attrezzature mobili". Due turni contemporanei per medici e infermieri garantiranno un'assistenza costante ai pazienti: un'equipe segue l'uscita dei degenti mentre altre sono pronte al Tor Vergata e al Pertini per riceverli, sia sabato sia domenica.

Secondo la direzione sanitaria il Policlinico Casilino tornerà a pieno regime nel tardo pomeriggio di domenica quando riaprirà anche il reparto di Pronto soccorso, chiuso da giovedì scorso.

La Regione ha invitato la popolazione a non recarsi all'H24 del policlinico Casilino. Solo in caso di effettiva urgenza i cittadini si possono rivolgere alle strutture sanitarie vicine: policlinico Umberto I, ospedale San Giovanni e Vannini.

Sono invece circa sei mila gli abitanti dell'area del Casilino che a partire dalle otto di domani mattina dovranno abbandonare la zona. Chi non ha punti di appoggio può recarsi alla Caserma XI Battaglione Trasporti Flaminio di via Casilina. Le operazioni avranno termine, secondo le previsioni, intorno alle 15, con i residenti che potranno poi rientrare nelle proprie case.

La viabilità su gomma e ferro sarà interrotta per tutto il periodo delle operazioni. Alla Protezione civile regionale e alla Asl RmB è affidato il compito di evacuare il policlinico Casilino e allestire un posto medico avanzato nella caserma dell'XI battaglione trasporti Flaminio per l'eventuale emergenze di pronto soccorso durante la chiusura al traffico dela zona. L'operazione vedrà coinvolti polizia di Stato, carabinieri, polizia municipale, vigili del fuoco, Croce Rossa, Genio Militare, Ares 118, Italgas e Anas. Dalla mattina, saranno deviati i bus C9, 105, 312, 552, mentre la ferrovia Roma-Giardinetti verrà sospesa tra Centocelle e Giardinetti: le ultime corse lungo l'intero itinerario partiranno alle 8 da via Giolitti e alle 8.40 da Giardinetti.

 
TAG: bomba
 

[07-03-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE