Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Giovanna D'Arco di Borgovecchio

Al Teatro Tordinona Giampiero Cicciò nello spettacolo di Gianni Guardigli

Giampiero Cicciò Di Giuseppe Duca
 
Torna nella capitale Giampiero Cicciò in “Giovanna D’arco di Borgovecchio” scritto e diretto da Gianni Guardagli, al Teatro Tordinona, dopo lo strepitoso successo di critica e di pubblico ottenuto nelle precedenti stagioni.

Lo spettacolo debuttò nell’ambito del Festival “KALS’ART Palermo 2004”,in seguito è andato in scena in alcuni teatri siciliani fra cui il Vittorio Emanuele di Messina. E’ un monologo che ha per protagonista una donna anziana siciliana, che vive in una condizione di profonda solitudine, ossessionata dai messaggi dei mezzi di comunicazione. Il suo unico nipote si è trasferito a Roma e sta tentando di intraprendere una carriera artistica. Lei non ha ben chiaro in che cosa consista e continua a fantasticare, ad insistere sulle grandi doti professionali e umane del ragazzo. I fraintendimenti e gli equivoci si susseguono e si intrecciano (il nipote è un travestito) creando un inevitabile tessuto di comicità involontaria. Ma tutto questo agitarsi e “girare a vuoto” nasconde un dramma che la “signora” vorrebbe celare a se stessa. Questo periodo della sua esistenza che lei, forse volutamente, forse inconsapevolmente, sta trascorrendo in maniera così “intensa”, è l’ultimo, poiché un referto medico l’ha inesorabilmente condannata a pochi mesi di vita. La “signora” ha un nuovo progetto: consigliata da una mortuaria Ecuba che tutte le notti le appare in sogno, deve purificare la cucina dai detestati influssi arabi. Come una Parca del nostro tempo, divide i suoi pomeriggi a separare i “semi buoni” da quelli “cattivi” con una meticolosità degna di un personaggio mitologico. “Accussì av’a fari cu riciviu u compitu di purificari stu munnu”. (“E’ così che deve fare chi ha ricevuto il compito di purificare il mondo”).

La colonna sonora, onnipresente, è il secondo protagonista della pièce, una specie di contrappunto che duetta con le parole fino a costruire un tessuto unico. L’ambiente è un interno astratto in cui la Signora trova la disposizione delle sue “cose” con la sicurezza di chi conosce ogni centimetro a memoria, come una cieca. Ma dal fluire del racconto lo spettatore intuirà che il mondo interiore che si è creato la Signora, è soltanto un artificio, un mosaico bizantino di verità create ad arte. Verità che compongono una rassicurante piramide che tiene in piedi tutta la sua esistenza.

In scena al Teatro Tordinona (via degli Acquasparta 16, tel. 06/68805890) fino al 1 marzo.

[27-02-2009]

 
Lascia il tuo commento