Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Scoperta frode per 60 milioni

vendevano oggetti tecnologici su ebay

Una frode di 60 milioni di euro all'erario, organizzata da imprese italiane, inglesi e tedesche nell'ambito della compravendita di prodotti elettronici e tecnologici è stata scoperta dagli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma. Dieci persone sono state denunciate.

Con questa frode l'organizzazione riusciva a risparmiare enormi somme d'imposta e ad immettere in consumo prodotti a prezzi fortemente competitivi, eludendo i controlli dell'amministrazione finanziaria: un danno, quindi, all'erario ma anche alle dinamiche economiche che assicurano la regolare concorrenza sul mercato. La frode veniva messa a segno attraverso il cosiddetto meccanismo del 'carosello fiscale' , tra imprese operanti nell'Unione Europea.

Gli ideatori del sistema di frode avevano dematerializzato la propria sede operativa, commercializzando i prodotti esclusivamente tramite il mercato virtuale internet di "E-Bay", garantendosi un riscontro talmente positivo da guadagnarsi lo status di "POWER SELLER".

I prezzi assolutamente competitivi di cellulari, videocamere, personal computer, erano dunque il frutto dell'interposizione a monte di una serie di società cartiere (che emettevano solo fatture) gestite da compiacenti prestanomi e soggetti inesistenti.

La pianificazione di queste operazioni era stata curata nel dettaglio, cercando di far perdere ogni traccia documentale delle società interposte. Al termine delle articolate indagini, durate circa due anni, e' stato appurato il mancato versamento dell'imposta sul valore aggiunto per circa 18 milioni di euro nonché maggior base imponibile per le imposte dirette per circa 60 milioni di euro.

Sono state contestate, inoltre, 10 milioni di euro di fatture per operazioni inesistenti e 10 sono stati i responsabili denunciati, a diverso titolo, all'autorità giudiziaria di Velletri per reati tributari. Infine, sono state avviate le procedure fallimentari, come previsto dalla vigente normativa, per 7 delle società coinvolte nel complesso sistema di truffa.

 
 

[24-02-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE