Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Occupazione nel Lazio

a rischio 65mila posti

La crisi non è solo una sensazione. Per l’occupazione a Roma e nel Lazio sono in arrivo tempi bui. Lo dicono i dati e le previsioni elaborati dalla Cgil locale.

I numeri fanno subito impressione. A Gennaio il ricorso alla cassa integrazione straordinaria nel Lazio è aumentato del 225%, mentre sono diminuite le richieste per quella ordinaria. I numeri, secondo la Cgil vanno interpretati così: la crisi in atto nella regione è di natura strutturale e non congiunturale.

Altre cifre preoccupanti: nel Lazio ci sono 220mila contratti a termine nel settore privato che rischiano di non essere rinnovati e il tasso di disoccupazione in un solo anno è passato dal 4,8 al 6,5 % per gli uomini e dal 6,7 al 10% per le donne.
Dalla crisi sono colpiti tutti. Il privato industriale, dove i posti a rischio sono tra i 25 e i 30mila, il commercio e la Pubblica amministrazione. In questo ultimo caso c’è la legge 133 del 2008 ad impedire il rinnovo dei contratti a termine che potrebbe lasciare a casa nella sola Roma 9460 lavoratori.

La Cgil ha sommato i rischi e tirato una linea: nei prossimi sei mesi a Roma si perderanno, probabilmente, 43 mila posti di lavoro, in tutto il Lazio saranno 65mila.

[12-02-2009]

 
Lascia il tuo commento