Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

SanitÓ laziale: 432 milioni in pi¨

continua intanto l'inchiesta sulla famiglia Angelucci

Il Fondo sanitario quest'anno sarà incrementato di 432 milioni: il Lazio per Asl e ospedali potrà spendere 9 miliardi e 319 milioni. E' questo l'accordo raggiunto in Conferenza Stato Regioni, sul riparto di 103,7 milioni del Fondo sanitario nazionale, deciso per l'incremento della popolazione nella nostra regione, con una crescita di 10.000 residenti ogni mese. Inoltre la Giunta quest'anno recupererà 90 milioni di euro, ceduti nel 2008 per andare incontro alle Regioni con maggiori difficoltà.

Ci saranno dunque più soldi per i cittadini, una buona notizia dopo che sulla sanità laziale si è abbattuto il ciclone dell'inchiesta della procura di Velletri che ha portato all'arresto di Giampaolo Angelucci, imprenditore nel settore della sanità privata e indagato per truffa ai danni della Asl. La prossima settimana saranno sentiti i 13 indagati. La rete costruita da Antonio Angelucci, padre di Giampaolo e deputato Pdl, anche per lui è stata richiesta l'autorizzazione a procedere, è salda. Il re delle cliniche può contare su relazioni bipartisan e altolocate, tanto che il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, gli affida un messaggio per "tranquillizzare" il direttore dell'Agenzia di Sanità Pubblica, Claudio Clini "Mi ha detto: di' a Claudio che stia tranquillo, quel posto per me è importantissimo e che stia lì lui".

Le aziende sanitarie private di Angelucci sembra fatturassero prestazioni in più, facendosi sborsare dalla Regione un totale di 170 mila euro. Ma con questo sistema le prestazioni del day hospital crescono troppo, così l'allora assessore alla Sanità Battaglia chiede di sospendere l'accreditamento di 30 posti letto al San Raffaele di Velletri, ma non accade nulla.

 
 

[07-02-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE