Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Pronto soccorsi del Lazio

barelle utilizzate come letti di fortuna

A meno di un mese di distanza si torna a parlare di emergenza nei pronto soccorsi degli ospedali: grave, molto più grave della precedente, con le autoambulanze impossibilitate a partire a causa delle barelle utilizzate come letti di fortuna.

Non è la condizione in cui versa un singolo ospedale, non è la solita storia di degrado nei sotterranei sporchi e bui dove transita di tutto: è la situazione che stanno vivendo numerosi nosocomi in questi giorni che desta più d’una preoccupazione.
Al Pertini la situazione fino a l’altro ieri era drammatica, con le ambulanze bloccate per ben 20 ore: in condizioni analoghe anche il Casilino, il Sant’Andrea, il San Giovanni.

Gli operatori dell’Ares, abituati a gestire le emergenze, sono stati tuttavia i primi a garantire che, nonostante i problemi, i soccorsi sono garantiti grazie al consistente parco ambulanze a disposizione: sarà il caso di pensarci la prossima volta che qualche amministrazione penserà di poter tagliare fondi per la garanzia di un servizio che regge, oltre al lavoro degli operatori, anche grazie ai tanti mezzi disponibili.

Questo è l’unica nota positiva in una situazione allarmante: ancor più perché c’era da aspettarselo. Già tre settimane fa, infatti, si era parlato di emergenza nei pronto soccorsi, a causa dell’ondata di ricoveri, soprattutto di anziani, per curare l’influenza particolarmente debilitante di quest’anno.

[04-02-2009]

 
Lascia il tuo commento