Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, con il Palermo vittoria sudata

I giallorossi si impongono per 2-1 contro un bel Palermo. Salto in avanti in classifica.

Sono tre punti importanti, quelli conquistati dalla Roma con il Palermo. Tre punti che servono per scalare la classifica, nel giorno in cui tutte o quasi le rivali per la Champions segnano il passo. Ma tre punti arrivati con fatica, contro un buon Palermo che nel secondo tempo ha messo in difficoltà i giallorossi.

Spalletti lascia a casa l’acciaccato Julio Baptista, e Francesco Totti può finalmente effettuare l’atteso ritorno, così come Aquilani. La prima parte di gara è tutta favorevole alla Roma, che trova la prima occasione concreta al 14’, con un tiro di Riise dal limite deviato in corner. Sul calcio d’angolo successivo, Vucinic tenta la sponda di testa per De Rossi, che però non trova una difficile deviazione. Il Palermo si fa vedere qualche minuto dopo con Cavani, il cui tiro deviato finisce di poco a lato. Ma è Brighi che ha la palla più clamorosa per l’1-0: servito da Vucinic, dopo un buono spunto personale del montenegrino, tenta di smarcare Amelia ma perde il controllo del pallone. Il gol, meritato, arriva al 23’. Cicinho sviluppa un’azione sulla sinistra, la palla finisce a Totti che spara il destro dal limite e trova la deviazione di Carrozzieri, che beffa Amelia. A questo punto, la Roma si eclissa, quasi appagata del risultato, e l’atteggiamento di sufficienza favorisce il Palermo, che va in rete alla prima occasione. Da un rinvio sbagliato di Doni, Perrotta perde palla a centrocampo e Liverani serve Cavani, che solo davanti al portiere giallorosso lo infila con un destro preciso. Come spesso accade quando si perde la concentrazione, la Roma fatica a ritrovare il bandolo della matassa. Ha la fortuna, però, di avere dei grandi giocatori. E così, con un’improvvisa fiammata nel finale di tempo, ritrova il vantaggio. Merito di un gran cross di Francesco Totti, e di Brighi, che stacca prendendo il tempo a Nocerino e batte Amelia.

Si potrebbe pensare che il gol preso in pieno recupero sia un colpo psicologico per il Palermo, che invece scende in campo nel secondo tempo grintoso e determinato, a fronte di una Roma che appare a tratti stanca e che sembra capace di colpire solo in contropiede. Dopo due minuti, i rosanero si rendono pericolosissimi con un’azione personale di Simplicio, che serve Bresciano a tu per tu con Doni, ma il portiere giallorosso si oppone per ben due volte. Spalletti cerca di arginare le difficoltà inserendo Pizarro al posto di Perrotta. Al 21’, però, il Palermo ha l’occasione maggiore: cross di Bresciano e testa del neo entrato Mchedlidze, che centra la traversa. Al 24’, la Roma ha la prima grande occasione per chiudere il match, ovviamente in contropiede: cross e contro cross rispettivamente di Aquilani e Brighi e Vucinic da due passi, di testa, manda incredibilmente fuori. Al 27’ Aquilani lascia il campo a Taddei, ancora nel tentativo di dare forze fresche a centrocampo, ma il Palermo, da par sua, continua a spingere. E’ però la Roma, al 32’, ad avere un’altra chance per il 3-1. Si tratta di un nuovo contropiede, tutto gestito da De Rossi, che arriva perfino a saltare Amelia ma, anziché tirare a porta vuota, cerca un improbabile assist per Vucinic. Finale di sofferenza, anche perché i giallorossi restano in dieci: Cassetti, entrato al posto di Totti, si infortuna per l’ennesima volta, e c’è l’impressione che non sarà un recupero breve.

Come detto, è stata una vittoria molto sofferta, in cui si è vista una buona Roma solo fino al primo gol. Dopo la vittoria di Napoli era prevedibile un calo di tensione, che però i giallorossi non possono permettersi nella loro corsa alla Champions: non sempre, infatti, giocando come contro il Palermo si tornerà a vincere. Totti ha giocato quasi tutta la gara: era difficile e ingiusto pretendere di più di quello che ha dato. L’obiettivo della Roma, ovviamente, è recuperarlo appieno per l’Arsenal.

 

Simone Luciani

 ROMA: Doni; Cicinho, Mexes, Juan, Riise; Perrotta (10' st Pizarro), De Rossi, Brighi; Aquilani (28' st Taddei); Vucinic, Totti (39' st Cassetti). (Artur, Tonetto, Menez, Okaka). All.: Spalletti. PALERMO: Amelia; Cassani, Carrozzieri, Bovo, Savini (40' st Succi); Migliaccio (42' pt Guana), Liverani, Nocerino (16' st Michedlidze); Simplicio, Bresciano; Cavani. (1 Ujkani, 4 Gio. Tedesco, 22 Di Matteo, 24 Kjaer). All.: Ballardini.

ARBITRO: Pierpaoli di Firenze.

MARCATORI: Totti (R) al 24', Cavani (P) al 32', Brighi (R) al 47' pt.

NOTE: spettatori 35 mila circa. Ammoniti Liverani e Doni. Angoli 2-2. Recuperi 3' e 4'.

[29-01-2009]

 
Lascia il tuo commento