Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Le parole del violentatore di Capodanno

intervistato casualmente prima dello stupro

Proprio la sera di Capodanno alla festa "Amore 09", il telegiornale di Italia 1 Studio Aperto aveva intervistato casualmente Davide Franceschini, il ragazzo che ha confessato di aver stuprato una ragazza di 23 anni. Il filmato è servito anche alla squadra mobile per identificare Davide, è stato mandato in onda dopo che gli investigatori hanno accertato che la sua diffusione non avrebbe pregiudicato le indagini.

DA STUDIO APERTO

Intanto a Davide sono stati concessi gli arresti domiciliari. Secondo Gianni Alemanno la decisione degli arresti doiciliari è "un segnale sbagliato". Ne chiede "la revoca". Va detto che la custodia cautelare in carcere è uno strumento utilizzabile prima del processo dai magistrati, per un limitato periodo di tempo e se ve ne sia motivo ricavato da specifici elementi, per tutelare la genuinità delle indagini dal pericolo di inquinamento delle prove, per neutralizzare il pericolo che l'indagato fugga, per contenere il rischio che ricommetta il reato. Ma in questo caso, visto che il giovane non ha precedenti penali, e non si rischia che fugga, gli sono stati concessi gli arresti domiciliari.

Il ragazzo è descritto dalla polizia come figlio di una famiglia perbene, lavora come panettiere a Fiumicino. Il capo della squadra mobile Rizzi ha spiegato che ad averlo fatto cedere sono stati i sensi di colpa.

L'aggressore la sera dello stupro era ubriaco e sotto effetto di stupefacenti: aveva conosciuto la vittima proprio alla festa di Capodanno e aveva ballato con lei, poi i due si sono appartati nei bagni del locale dove la ragazza ha subito la violenza. L'arrestato era già stato fermato la sera dello stupro uscendo dal locale durante una serie di controlli delle forze dell'ordine, e tre giorni fa nel corso di un interrogatorio aveva mostrato i primi segni di cedimento.

 

 
 

[28-01-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
 
 
  CORRELATE