Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

La Roma sbanca Napoli

Al San Paolo, giallorossi travolgenti. La Champions è più vicina. Proteste dei padroni di casa.

Una vittoria di importanza capitale. Quella conquistata dalla Roma a Napoli rilancia definitivamente le ambizioni di Champions per i giallorossi. Sia perché si è trattato di una vittoria contro una diretta rivale (forse la più temibile), sia per i risultati delle altre contendenti. Non sono mancate le polemiche da parte dei padroni di casa, in parte giustificate.

 

Spalletti recupera Doni e Francesco Totti, che va però in panchina. In attacco ci sono Vucinic e Julio Baptista, mentre a centrocampo Pizarro fa il vertice alto e Taddei viene preferito a Perrotta. La gara inizia con un Napoli voglioso di mettere in difficoltà la Roma, con il solito gioco velocissimo. Al 6’, gol annullato a Zalayeta: il centravanti stoppa con il braccio un pallone a centro area e lo scarica in porta. Morganti dapprima concede il gol, poi torna sui suoi passi, e giustamente: il controllo irregolare è netto. La Roma, timida, risponde con Brighi che conclude da posizione angolata, e para Gianello. Al 17’, l’episodio chiave della gara: cross su punizione di Pizarro e stacco vincente di Mexes. Il francese è in fuorigioco, ma Morganti e il suo assistente non vedono. Il vantaggio della Roma annichilisce i padroni di casa, che perdono in lucidità e precisione. L’unico pericolo creato dal Napoli viene dai piedi di Lavezzi, che su punizione dal limite costringe Doni a togliere la palla dal sette. Ma dove gli uomini di Reja hanno le maggiori difficoltà è in difesa, e i giallorossi ne approfittano. Al 32’ corner di Pizarro e Juan sovrasta tutti e sigla il raddoppio. Al 40’, la Roma sfiora anche il terzo gol: splendido assist di Vucinic per Julio Baptista, che a tu per tu con Gianello mette clamorosamente fuori.

 

Nel secondo tempo, la Roma si ripresenta in campo con Aquilani al posto di Pizarro, mentre Reja toglie Pazienza e inserisce Bogliacino. Passano cinque minuti, e Vucinic trova il terzo gol. Il montenegrino scambia con Aquiliani, che viene favorito da un errore di Santacroce (l’ennesimo) e libera l’attaccante, che a tu per tu con Gianello non sbaglia. Il gol di Vucinic chiude definitivamente la gara. Al 14’ Zalayeta trova una bella rovesciata in area, su cui è pronto Doni. Ma è la Roma a sfiorare ripetutamente la goleada. Al 18’ Taddei, servito da Vucinic, conclude a colpo sicuro dal limite e Gianello devia sul palo. Spalletti fa respirare Vucinic, inserendo al suo posto Menez (autore di una serie di numeri da circo), e ancora sostituisce Taddei con Perrotta. Julio Baptista si divora un gol clamoroso da distanza ravvicinata dopo una grande azione proprio di Menez, poi sfodera un bel tiro di controbalzo dal limite su cui è bravo Gianello. Nell’esiguo recupero, è Aquilani ad avere la palla del 4-0, servito da Perrotta, ma Gianello para. Vano l’inserimento di Denis, indolente, da parte di Reja.

 

Non sono mancate le polemiche sull’arbitraggio, a fine partita. Sui due episodi discussi abbiamo già detto: bene ha fatto Morganti a tornare sulla propria decisione, su segnalazione del guardalinee, sul gol annullato a Zalayeta, perché il fallo di mano è nettissimo; sul gol di Mexes, invece, il fuorigioco c’è, sebbene di mezza sagoma. E’ fuor di dubbio che il vantaggio giallorosso ha influenzato l’andamento della gara, anche se non giustifica il tracollo da parte del Napoli. Perché nei successivi 70 minuti la Roma ha più o meno dominato. Ora la prospettiva Champions per la Roma comincia a farsi concreta, anche se fin da mercoledì con il Palermo si dovrà dare continuità alla rimonta. Spalletti ha già annunciato il ritorno di Totti dal primo minuto, giustamente non impiegato durante la gara visto il risultato. Da verificare, infine, la polemica di Panucci che ha rifiutato la panchina: verrà multato.  

 

Simone Luciani


NAPOLI: Gianello; Santacroce, Cannavaro, Contini; Maggio, Blasi (36' st Montervino), Pazienza (1' st Bogliacino), Gargano, Mannini; Lavezzi, Zalayeta (21' st Denis). (Navarro, Rinaudo, Aronica, Russotto). All.: Reja.ROMA: Doni; Cassetti, Mexes, Juan, Riise; Taddei (37' st Perrotta), De Rossi, Pizarro (1' st Aquilani), Brighi; Baptista, Vucinic (25' st Menez). (Artur, Loria, Okaka, Totti). All.: Spalletti.ARBITRO: Morganti di Ascoli.MARCATORI: nel pt 18' Mexes, 32' Juan; nel st 5' Vucinic.NOTE: spettatori: 60.000. Ammoniti: Pazienza, Taddei, Contini, Cannavaro, Gargano, Montervino e Santacroce per gioco scorretto. Angoli: 8-6 per la Roma. Recupero: 1' e 1'.

[25-01-2009]

 
Lascia il tuo commento