Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

I Segreti di Brokeback Mountain

di Ang Lee. Con Heath Ledger, Jake Gillenhaal

di Svevo Moltrasio

Nei primi anni '60 due giovani ragazzi sono ingaggiati per pascolare e controllare mandrie di pecore tra le montagne del Wyoming. Il lavoro, lungo un' estate, monotono e solitario porta i due giovani cowboy ad instaurare un legame affettivo imprevedibile e dirompente che, con le inevitabili difficoltà, si trascinerà anche negli anni avvenire.

Ang Lee dirige questa chiacchierata storia d'amore omosessuale vincitrice del Leone d'oro a Venezia, di numerosi Golden Globe e accreditata trionfatrice all'imminente notte degli Oscar hollywoodiani. I SEGRETI DI BROKEBACK MOUNTAIN è strutturato su due parti ben distinte: una iniziale che sullo sfondo delle montagne vede il progressivo avvicinamento tra i due protagonisti, in un' anomala storia d' amore immersa nella pace della natura. Seguita da una seconda parte, più lunga e articolata narra dei problemi della relazione nella società, che trasforma il film in uno spaccato sociale di un' America che nell'arco di un decennio è vissuta con difficoltà dai due amanti costretti a nascondere i loro sentimenti, concedendosi brevi e saltuari incontri proprio nella montagna del titolo.

Così che alla normale armonia iniziale, ben cadenzata dal pacifico scenario, in cui la narrazione predilige le immagini e la lentezza, Ang Lee contrappone la frenesia della comunità umana soffocata dal lavoro, dal principio della famiglia e dagli inevitabili pregiudizi, con uno stile che lavora per accumuli narrativi. Trasportando il film in un genere più prevedibile che sfiora, senza mai approfondire pienamente, numerosi aspetti della realtà sociale e che, soprattutto nello scivolone finale nel melodramma, rischia di tirare il tutto troppo per le lunghe.

Gode forse di fama eccessiva questo film, da molti ingenuamente indicato come coraggioso superamento di cliché maschilisti soprattutto nell'ambito del genere americano per eccellenza, ovvero il western. In realtà proprio con il cinema dei pistoleri e degli speroni BROKEBACK MOUNTAIN ha ben poco in comune oltre ai cavalli e le montagne. I pregi del film di Ang Lee vanno invece individuati nell'ottima sceneggiatura, con relativa sapiente scrittura dei dialoghi, e nella brillante interpretazione degli attori (accanto allo strombazzato Heath Ledger, è meritevole anche Jake Gillenhaal), che consentono al film di contenere alcuni momenti di grande spessore: oltre a tutta la prima parte tra le montagne, alcune situazioni delle famiglie dei due protagonisti, con relative frustrazioni e sfoghi, sono davvero notevoli.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[04-02-2006]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE