Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Il dubbio

Al Valle Stefano Accorsi diretto da Sergio Castellitto

Stefano Accorsi Di Giuseppe Duca

La storia, è quella di un sospetto che giunge ad un conflitto scatenando un “dubbio” da cui prende forma la presunta innocenza o colpevolezza. Si tratta di ''Il dubbio'', lo spettacolo che arriva a Roma dopo aver girato l'Italia con 81 repliche e 61.000 spettatori, e che vede protagonista Stefano Accorsi sul palcoscenico del Valle, con la regia di Sergio Castellitto, torna al teatro dopo un lungo periodo passato nel cinema. Torna al suo primo amore, dunque, per raccontare un tema scottante ed attuale come la pedofilia. ''Cerco di fare teatro quando ne avverto la passione – ha spiegato Castellitto -. E' una storia che parla di omosessualità, non solo di pedofilia. Perchè il vero conflitto sta nella diversità''. La storia si snoda sulle musiche di Bob Dylan e ripercorre la vicenda di Padre Flynn, interpretato appunto da Stefano Accorsi. Prete cattolico, giovane, appassionato, vicino alle anime dei suoi parrocchiani, che sembra capire. Un sacerdote moderno, forse troppo per il 1964, tanto che crea sospetti e “dubbi”. La direttrice della Scuola Parrocchiale, Suor Aloisia (una sorprendente Lucilla Morlacchi), inizia a sospettare del sacerdote. Crede che possa aver abusato sessualmente di un allievo, guarda caso l'unico ragazzino di colore. Lo accuserà e ne chiederà l'allontanamento. Testimone involontario, ed anche a malincuore, poichè ammira padre Flynn (un nome di famiglia operaia irlandese) sarà la giovane insegnante Suor James (Alice Bachi), che ha colto il bambino all'uscita di un incontro con il prete, con l'alito di alcool. Difende la sua innocenza la madre del ragazzino (Nadia Kibout), lusingata dell'interesse che il sacerdote bianco ha per il suo bambino di colore. "Un bambino conteso fra due verità – ha spiegato il regista -. Un bambino che ci ricorda Obama e la sua voglia di crescere".

Conflitto, ipocrisia, colpi bassi, lo spettacolo è costruito con appassionata suspance, quasi fosse un’inchiesta. “Grazie a Castellitto e a Lucilla Morlacchi ho riscoperto il piacere di stare in scena, di provare e faticare in questo bellissimo esercizio che è il teatro, davanti al pubblico, ogni sera diverso” ha confessato Accorsi. Nessuno di loro ha ancora visto il film tratto da “Il duello”, con Meryl Streep e Philip Seymour Hoffman. Ma Accorsi ha visto a Parigi l'edizione francese dello spettacolo teatrale diretta da Roman Polansky. "Sembra ovvio che io dica che la nostra edizione è migliore – ha osservato l’attore bolognese - ma è proprio così. La regia di Sergio ha dato molto spessore al testo, mettendo in evidenza la sensibilità dei personaggi e illustrando anche elementi che si nascondono sotto l'apparenza delle battute del commediografo Shanley".

La “prima” romana dello spettacolo (che resterà in scena fino al 1 febbraio) è stata dedicata all'insediamento di Barak Obama e alle speranze che ha suscitato con la sua recente elezione.

[20-01-2009]

 
Lascia il tuo commento