Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Bullismo ad Ostia

accoltellato dopo una rissa

Neanche il tempo di raccogliere la dichiarazione di Alemanno sul ragazzo albanese accoltellato di fronte al liceo Aristotele, che la cronaca registra un altro scontro tra bande giovanili, finito di nuovo con un accoltellamento. Stavolta la rissa è avvenuta ad Ostia antica, il quartiere del XIII municipio che corre lungo la via del Mare.

Qui due gruppi di ventenni romani si sarebbero dati appuntamenti per regolare i conti tra loro in un piccolo parco in via dei Fratelli Palma. L’episodio è venuto alla luce perché uno dei ragazzi si è presentato sabato sera all’oapedale Grassi di ostia, con una ferita alla natica sinistra- un altro ragazzo ha invece subito la frattura della parete ossea di un occhio. Il primo, secondo i carabinieri della compagnia di Ostia, sarebbe l’aggressore di quello con l’occhio tumefatto. E i suoi amici si sarebbero vendicati delle botte con un coltello a serramanico.

Il ventenne accoltellato, che guariraà in 8 giorni, è stato denunciato per lesione. Secondo gli inquirenti sullo sfondo ci sarebbe una disputa tra bande per il controllo del terririo. E se ad Ostia Antica si cerca il possessore del coltello a serrmanico, gli agenti del commissariato esposizione hanno ricostruito i fatti che hanno portato all’ccoltellamento dello studente albanese, una pugnalata alla schiena che lo ha raggiunto ad un polmone. Tutti lo hanno definito un eroe ed il comune gli ha regalato un computer portatile, ma anche lui è stato denunciato per rissa aggravata. Il 20enne che ha colpito è stato arrestato e 6 minorenni sono stati denunciati. La lite è iniziata alla fermata dell'autobus per uno sguardo di troppo, ed è poi sfociata in un vero e proprio agguato all'uscita di scuola.

Un minore del Laurentino 38 avrebbe detto  allo studente albanese "t'aspetto fuori". Poi ha avvisato il fratello maggiorenne  e due amici minorenni e armati di spranga e tirapugni, si sono diretti verso il liceo aristotele…. Dopo l'aggressione i giovani hanno tentato di disfarsi delle armi e dei vestiti sporchi di sangue ricorrendo all'aiuto di amici e giovani fidanzate. Segno di una capacita’ di organizzarsi per dare adito alla violenza che non puo’ lasciare indifferenti.

[19-01-2009]

 
Lascia il tuo commento