Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Ancora la Bestia

A Torino decide nel recupero una nuova prodezza del brasiliano. Roma vicina alla zona Champions

Caparbietà, qualità e fortuna. In questi tre fattori si riassume la vittoria della Roma contro il Torino, al termine di una brutta partita. Ha deciso di nuovo un capolavoro di Julio Baptista, il terzo in cinque giorni.

 

La solita sfilza di assenti costringe Spalletti a scelte obbligate: in attacco, coppia inedita Menez-Julio Baptista, con Pizarro a rimorchio. In difesa, Cicinho ha la meglio su Cassetti, mentre in porta c’è ancora Artur. Nei primi minuti, la Roma fa girare molto bene palla ma è il Torino a concludere per la prima volta verso la porta, con Saumel che costringe Artur a una buona parata. La risposta della Roma è in una discesa di Taddei sulla sinistra, con scarico per Julio Baptista, il cui tiro è ribattuto da Di Loreto. L’occasione più grande del primo tempo, però, è per Mexes, che prima colpisce di testa su azione di corner impegnando Calderoni, e sulla respinta e il cross di Julio Baptista non riesce a deviare nella porta vuota. La fiammata giallorossa si conclude al 26’, con Julio Baptista che brucia Di Loreto e Calderoni ma al momento di tirare in porta si ritrova sul fondo. A questo punto, il Toro, che perde Pratali sostituito da Colombo, prende le misure, ed emergono i limiti tattici della Roma, con Julio Baptista troppo isolato in attacco e Menez fuori dal gioco a sinistra. L’unico spunto del francese nel primo tempo è un’azione sulla destra, su cui Di Loreto rischia l’autogol. Per il resto del tempo, i granata controllano la Roma senza troppe difficoltà.

 

I padroni di casa aumentano addirittura la pressione nel secondo tempo, sfruttando la consueta incostanza della Roma nei novanta minuti e qualche affanno fisico. Al 3’, però, grande azione di Menez che libera Taddei a tu per tu con Calderoni, ma l’esterno conclude male addosso al portiere. Novellino azzecca le mosse mandando in campo Rosina e Abate per Amoruso e Vailatti. Spalletti, invece, compie l’unica mossa possibile: inserisce Aquilani e toglie un Taddei ancora una volta spento. Alla mezz’ora, nuovo spunto di Menez che libera Julio Baptista in area: il brasiliano si volta e conclude alto di destro. Dall’altra parte, è ancora pericoloso Saumel da fuori e, soprattutto, Rosina, che brucia la difesa giallorossa ma da distanza ravvicinata conclude a lato. L’ultima carta di Spalletti è quella di Cassetti per Brighi: l’ex leccese viene impiegato come laterale difensivo, con Cicinho spostato più avanti. E’ nei minuti di recupero, quando sembrava finita, che la Roma trova il jolly. Tutto nasce da una punizione battuta velocemente, Mexes (pescato sulla trequarti mentre si avviava a salire verso l’area per colpire di testa) va al cross e Julio Baptista, in piena area, trova una rovesciata splendida, che infila Calderoni. Comprensibile esultanza tra i giallorossi, nervosismo altrettanto comprensibile dei giocatori del Toro, con Barone che viene espulso per proteste.

 

E’ una vittoria tutto sommato immeritata, nonostante il maggior numero di occasioni costruite dai giallorossi. Il gol di Julio Baptista è da cineteca: al brasiliano si può di certo imputare una notevole discontinuità, ma non di non segnare gol decisivi. Dopo una giornata in cui diverse rivali hanno segnato il passo, questi di Torino sono tre punti fondamentali. Dal punto di vista psicologico, una vittoria ottenuta negli ultimi secondi può essere un buon trampolino di lancio per la doppia, difficile sfida che attende i giallorossi: quella con l’Inter in Coppa Italia e, soprattutto, lo scontro diretto di domenica col Napoli.

 

Simone Luciani

 

TORINO: Calderoni; Dellafiore, Di Loreto, Pratali (26' pt Colombo), Ogbonna; Diana, Barone, Saumel, Vailatti (14' st Abate); Amoruso (12' st Rosina), Stellone. (Sereni, Natali, Corini, Bianchi). All. Novellino.ROMA: Artur; Cicinho, Mexes, Juan, Riise; Taddei (16' st Aquilani), De Rossi, Brighi (34' st Cassetti); Menez, Pizarro; Baptista. (Bertagnoli, Panucci, Loria, Greco, Virga). All. Spalletti.

ARBITRO: Rocchi di Firenze.

 

MARCATORE: 47' st Baptista NOTE: spettatori: 15 mila. Espulso al 47' st Barone per doppia ammonizione. Ammoniti: Barone, Pizarro e Amoruso, Colombo e Cicinho, tutti per gioco scorretto. Angoli: 7 a 4 per la Roma. Recupero: 1' e 2'.

[18-01-2009]

 
Lascia il tuo commento