Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Storie Metropolitane
 
» Prima Pagina » Storie Metropolitane
 
 

Muratella: cittadini insorgono contro il rottamatore

''sorgerÓ a 250 metri dalle case''

Sarà il più grande rottomatore d’Europa, smaltirà 150 auto al giorno e sarà costruito su un terreno di circa 16 ettari proprio di fronte alla fermata ferroviaria Muratella, su via della Magliana, a circa 250 metri dalle abitazioni.

Il grande centro integrato di rottamazione e demolizione crescerà in un area appositamente “liberata” dal vincolo paesaggistico proprio all’interno della riserva naturale Tenuta dei Massimi. I cittadini della Muratella se ne sono accorti quasi per caso, e ora insorgono.

"Le case sono a circa 250 metri da dove sorgerà il rottamatore, -spiega Marco Romagnuolo, il presidente del Comitato contro il rottamatore all'Infernaccio- sono le case del piano di zona B38. L'amministrazione 10 anni fa ha fatto un accordo di programma decidendo che questo sito fosse idoneo per la costruzione di un impianto di rottamazione industriale. L'hanno fatto perché non riconoscevano in quest'area valori ambientali, qui non c'erano case, non c'era la riserva naturale. Tre mesi dopo la Regione istituisce la riserva naturale tenuta dei Massimi". 

Il consiglio comunale ha già votato all’unanimità la mozione contro la costruzione del rottamatore anche se a marzo del 2008, in uno degli ultimi atti della giunta Veltroni, è stato approvato il progetto esecutivo dell’impianto. Ma a decidere sul rottamatore è soprattutto il commissario straordinario Pierluigi Di Palma, nominato dal 2005 dal consiglio dei ministri per la delocalizzazione di tutti i centri di autodemolizione nel comune di Roma e l'assegnazione ad un consorzio della gestione di 13 autodemolitori.

"E' tutto in regola da un punto di vista giuridico amministrativo -spiega Di Palma- se poi la politica ritiene di poter tornare indietro beh, allora è tutt'altra vicenda". Alla domanda sul rottamatore che sorge all'interno di una riserva naturale Di Palma risponde "No no, ma che riserva naturale... queste sono cose inventate. Quella è una tenuta. Bisogna anche tener conto -conclude Di Palma- che la concessione è stata data dal Comune per 50 anni a questo consorzio.

Dal quartiere della Muratella sono visibili i segni sul terreno che delimitano l’area destinata al rottamatore, sono a poche centinaia di metri dalle case, vicino ad un asilo nido e ad un polo per l’infanzia in costruzione.

LA MAPPA

LE IMMAGINI DALL'ALTO

IL SITO DEL COMITATO

IL GRUPPO SU FACEBOOK 

Durante i primi lavori con le ruspe sono emersi dei ritrovamenti archeologi, ora ricoperti con dei teloni neri dalla soprintendenza. Si tratta di resti una villa probabilmente di epoca romana, a giorni la stessa soprintendenza dei beni archeologica deciderà se porre il vincolo assoluto sull’area.

 

 
 

[15-01-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE