Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Condizioni nei campi nomadi

secondo il commissario Ue la situazione peggiorata

Le condizioni di vita nella maggior parte dei campi rom, si sa, non sono dignitose. A sottolinearlo e a premere per una loro riorganizzazione il commissario europeo per i diritti umani  che, dopo aver visitato il Casilino 900, ha incontrato il primo cittadino della Capitale.

Quella si stamattina non è stata la prima incursione del commissario all’insediamento rom piu’ grande di Roma: già a Giugno Hammarberg aveva puntato il dito contro le malsane condizioni igenico sanitarie e oggi, al termine della visita, ha commentando dicendo che la situazione, dopo le piogge di questi giorni e del pantano che si è creato, è peggiorata.

Nell’incontro in Campidoglio il sindaco Alemanno ha ribadito la volontà di dare una soluzione piu’ dignitosa agli abitanti dei campi, e di dare al contempo anche maggiori garanzie in termini di legalità ai cittadini romani che vivono nelle aree di insediamento dei nomadi.

Ma per la riorganizzazione dei campi il percorso è lungo: intanto occorre la collaborazione dei rom stessi. Per questo la prossima settimana è in programma un incontro con i rappresentanti dei campi Rom di Roma e in particolare del Calino 900, il primo a rientrare nel nuovo piano di riassetto degli insediamenti. Una collaborazione indispensabile non solo per il trasloco di centinaia di persone in altre aree, ma anche per rompere il circolo vizioso della precarietà, dell’illegalità, dell’emarginazione sociale e culturale. Saranno necessari molti soldi, e non è escluso che da parte dell’europa, per interessamento del commissario per i diritti umani, possano arrivare fondi ad hoc.

PARZIALE SGOMBERO AL CASILINO 900

 
 

[14-01-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE