Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, occasione sprecata

Non basta Vucinic: Roma fermata dal Milan

Ha tutta l’aria di un’occasione sprecata, quella della Roma contro il Milan. I giallorossi, infatti, hanno dimostrato per larghi tratti di gara di poter controllare e a tratti schiacciare gli uomini di Ancelotti, ma hanno gettato alle ortiche un successo alla propria portata con dieci minuti di follia.

 

Come previsto, Spalletti non riesce a recuperare Menez, e opta per il tandem d’attacco Vucinic-Julio Baptista. A centrocampo, scelto Rodrigo Taddei, sistemato a sinistra, al posto di Pizarro. Nel Milan, l’atteso esordio di David Beckam. La prima parte di gara è piuttosto avara di emozioni, con squadre guardinghe ma Roma decisamente più organizzata. Il primo tiro di una qualche pericolosità è di Riise al 9’, con Abbiati che para in due tempi. La pressione giallorossa si fa via via più intensa con il passare dei minuti, e al 16’ Mexes tenta di colpire di testa da due passi ma viene stoppato. La svolta è però nell’aria, e arriva al 22’: discesa di Riise sulla sinistra, cross dalla trequarti stoppato da Vucinic, che salta sullo stretto Maldini e batte Abbiati. E’ un colpo straordinario, da parte del montenegrino. La reazione del Milan è praticamente nulla, ma la Roma non ne approfitta per sferrare il colpo del ko. Gli uomini di Ancelotti si fanno vedere dalle parti di Doni dopo la mezz’ora, con il portiere brasiliano costretto a un intervento poco convincente su un cross pericoloso dalla destra. La Roma costruisce solo un tiro da fuori di Perrotta, centrale.

Nel secondo tempo i giallorossi sembrano scendere in campo con la volontà di forzare il ritmo, ma è un’illusione. Al 3’, infatti, la Roma si fa trovare scoperta sul suo versante destro, e Kakà ne approfitta: va sul fondo, crossa basso, Jankulovski forse sfiora e Pato mette in rete da due passi (i dubbi sul fuorigioco, che dipendono dal tocco fantasma del terzino, restano). Ancelotti trova la chiave offensiva dalla parte di Cassetti e Taddei, col brasiliano che copre poco e male. Così, in un attimo la Roma si trova sotto. All’8’, infatti, Pato infila la difesa giallorossa ancora sulla sinistra, saltando Mexes in velocità e battendo Doni. Gli uomini di Spalletti vanno sotto shock, e Juan è costretto a sventare l’occasione del terzo gol per Kakà. La Roma prova ad alzare la testa, mette sotto pressione il Milan ma riesce solo a concludere da fuori. Così, Spalletti azzecca la mossa (per la verità abbastanza scontata): al 20’ dentro Pizarro e fuori Taddei. I frutti arrivano al 27’: Vucinic, con un colpo di testa da biliardo, infila Abbiati dopo un cross deviato. Gli ultimi venti minuti la Roma li dedica a riprendersi la vittoria che non arriverà, con gli ingressi di Cicinho e Aquilani per Cassetti e Brighi. I pericoli per la porta del Milan arrivano soprattutto da fuori, con le conclusioni di Pizarro e Aquilani. Finale in crescendo, con l’impressione che se la gara fosse durata qualche minuto in più, forse la Roma ce l’avrebbe fatta.

Quella che si è vista alla ripresa del campionato è stata tutto sommato una buona Roma, che tuttavia non basta a ritrovare la vittoria dopo lo scivolone col Catania. Alcuni uomini (vedi Taddei) non sembrano essersi adattati al nuovo modulo, mentre altri (vedi Aquilani e Pizarro) è necessario che trovino presto la forma. Perché la Roma ha un bisogno matto di punti.

Simone Luciani

ROMA: Doni; Cassetti (Cicinho dal 36’ s.t.), Mexes, Juan, Riise; Taddei (Pizarro dal 19’ s.t.), De Rossi, Brighi (Aquilani dal 39’ s.t.); Perrotta, Baptista; Vucinic. (Artur, Loria, Panucci, Montella). All: SpallettiMILAN: Abbiati; Zambrotta, Maldini, Favalli, Jankulovski; Beckham (Flamini dal 44’ s.t.), Pirlo, Seedorf; Kakà, Ronaldinho (Ambrosini dal 26’ s.t.); Pato. (Dida, Kaladze, Antonini, Inzaghi F., Shevchenko). All: Ancelotti

ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno

MARCATORI: Vucinic (R) al 22’ p.t., Pato (M) al al 3’ e all’8’ s.t., Vucinic (R) al 27’ s.t.

NOTE: spettatori paganti 24.359 per un incasso di 1.024.094 euro, abbonati 29.085 per una quota di 568.421 euro. Ammoniti Pirlo, Seedorf, Riise e Brighi per gioco scorretto. Angoli 3-6. Recuperi p.t. 2’, s.t. 3’.

[12-01-2009]

 
Lascia il tuo commento