Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sport Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma
 
 

Champions League: la Roma pesca l'Arsenal

per le italiane sfide inglesi

Era la squadra più temuta, l'Arsenal, ed è capitata ai giallorossi. Sono sfide tutta inglesi per le tre italiane rimaste in corsa in Champions League. Il verdetto dell'urna nel sorteggio di Nyon, in Svizzera, non è certo stato benevolo con i nostri club, malgrado due di loro (Juve e Roma) si presentassero all'appuntamento forti della vittoria nel girone di qualificazione. Bianconeri e giallorossi hanno pescato due delle più temibili seconde classificate a disposizione.

"Forse è la più difficile ma ormai abbiamo la sensazione di essere una grande squadra -ha detto Rosella Sensi- Sarebbe potuta arrivare dopo, però agli ottavi nulla è facile, forse la più difficile ma ce la giocheremo, perché se mentre prima andavamo all'arrembaggio ora anche loro avranno paura di noi. La Roma dovrà giocare come sa, potrebbe essere più facile di come sembra, contro queste squadre tutto è possibile".

Spalletti è più caricato che spaventato dall'Arsenal. "Abbiamo preso uno dei club più organizzati a livello mondiale. Se dobbiamo fare i complimenti a qualche squadra per come gestisce e come si rinnova, è proprio il caso dell' Arsenal, ma questo è comunque un bel momento. Qui in città ho sempre sentito dire che Roma e la Roma sono una grande città e una grande squadra che hanno bisogno di grandi sfide, ora che è arrivato il momento vedo delle facce dubbiose. Ma l'ho detto anche ai miei giocatori, siamo arrivati al punto che aspettavamo tanto. Hanno dei giocatori fantastici come Bendtner, danese molto giovane. Penso ad Adebayor e Vela, fortissimi e tra i migliori. Wenger è un grande allenatore, uno che lavora in campo in un modo pregevole. L'Arsenal gioca un buonissimo calcio. Oltre ad essere stimolante, sarà anche difficile. E' una squadra molto forte, ma che lascia giocare e noi possiamo vincere. Il discorso è fattibile"

[19-12-2008]

 
Lascia il tuo commento