Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Pioggia e maltempo, è tregua

Bertolaso ''peggior autunno di sempre''

 Il capo del dipartimento della protezione civile, Guido Bertolaso, ha assicurato che "la tregua è vicina". Una tregua che arriva dopo "il peggior autunno, da un punto di vista meteo, a memoria d'uomo". Bertolaso ha aggiunto che giovedì il Consiglio dei Ministri ratificherà lo stato di emergenza per Roma e per le zone colpite dal maltempo. 

 Infine il sottosegretario ha rassicurato anche sulla situazione del Tevere: "Continuerà a crescere fino a domani pomeriggio. Stiamo cercando di capire se arriverà alla soglia di 12 metri, ma la situazione non ci preoccupa più". Il peggio è passato insomma. Le gocce di pioggia di questa sera dovrebbero segnare la fine di un’ondata di maltempo che ha messo in ginocchio la città. Anche oggi i disagi sono stati pesanti, con una viabilità in tilt fin dalle prime ore del mattino.

 Allagamenti, buche e crateri, incidenti stradali hanno piu’ che raddoppiato i tempi di percorrenza cittadini sono ma i disagi maggiori ci sono stati fuori dal grande raccordo anulare, sulle consolari e sul litorale. E’ quì che sono dovuti interventire i vigili del fuoco con mezzi anfibi per liberare automobilisti rimasti intrappolati nell’acqua. Addirittura a Ostia e Pomezia alcuni cittadini hanno trovato scampo sui tetti delle abitazioni e sono stati salvati con due elicotteri del 115.

 Serpentoni di auto si sono contati sulla tangenziale, nella zona della Magliana, strade chiuse a Castel di Guido e nell’entroterra del XIII municipio a Dragoncello.  Chiusa – già da due giorni - via Collatina gli automobilisti si sono imbottigliati in una via di salone quasi allagata. Ancora chiusure in via di Trigoria e via Laurentina, dove l’acqua ha raggiunto punte di 60 centimetri. Stesso destino per via di Tor Cervara, via dei romagnoli, via Giustiniana – dove per uno smottamento sono caduti sulla strada dei massi. E ancora via di Tor Pagnotta, e molte altre decine di strade secondarie.

Sul Tevere, invece, proseguono le operazioni di demolizione di uno dei barconi che si era incastrato tra le arcate di ponte Sant’Angelo.

 
 

[16-12-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE