Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Il divo Garry

Una commedia brillante e sofisticata di NoŽl Coward al Quirino

Di Giuseppe Duca

Una commedia brillante e sofisticata al Quirino per la regia di Francesco Macedonio ed interpretata da Gianfranco Jannuzzo e Daniela Poggi. “Il divo Garry” fu scritta nel 1939 da una penna pungente e disinibita come quella di Noel Coward, raccogliendo larghi consensi di pubblico nonché di critica. Finemente autobiografico, il testo fu interpretato alla sua prima messa in scena, dallo stesso autore che, nel ruolo del protagonista, un giovane attore di successo, carismatico e bizzarro, si trova alle prese con una corte spietata di attrici improvvisamente seduttrici, ammiratori impazziti, produttori spregiudicati. A completare un quadro, sorprendentemente contemporaneo, dei meccanismi dello show business, invece ambientato e calato negli anni Trenta, la pazienza di una segretaria protettiva e l’equilibrio di una gelida ex-moglie, Liz, donna pratica e concreta che, pur avendo lasciato anni prima il marito, continua a prendersi cura di lui nonché della sua carriera artistica.

Un vezzo quello di raccontare il teatro e i suoi retroscena che il regista Macedonio si concede per sottolineare le note brillanti e i temi più profondi del testo, ottenendo un nuovo vigore ed affidandolo alla brillante interpretazione di Jannuzzo e della Poggi. L’attore, abile e capace nell’affrontare bellissimi monologhi, preferisce mettere in evidenza una comicità che nasce dal contrasto tra la banalità delle battute ed il contesto in cui vengono pronunciate. L’attrice, presenza soavemente diabolica nei panni dell’altera ex-moglie, diventa a sua volta protagonista di un finale a sorpresa. Più ricco di un vaudeville ma altrettanto divertente e movimentato, lo spettacolo, costruito con attenzione per ritmo e colori, si popola di una gamma ampia di personaggi e figure sapientemente caratterizzati dagli attori in scena, da Paola Bonesi, Davide Calabrese e Sandra Cosatto, a Gualtiero Giorgini, Adriano Giraldi, Alberta Izzo, fino a Maurizio Repetto e Danila Stalteri. La traduzione di Masolino d’Amico inoltre, assicura alla lingua quella necessaria purezza per apprezzare l’autore come un precursore di Harold Pinter.

Quasi come un classico dunque il testo tuttavia in Italia appare ancora tutto da riscoprire. All’estero, invece i testi di Coward possono già vantare le interpretazioni di attori del calibro di Richard Burton, Laurence Olivier ed Elizabeth Taylor, e continuano ad essere rappresentati ovunque: “Present laughter” è uno dei grandi successi a Londra di questa stagione, tuttora in scena al National Theatre. Una fortuna che risiede nella ricchezza delle trame e dei dialoghi, rivisitati alla luce della modernità, con un occhio attento al congegno teatrale.
“Il divo Garry” resterà in scena al Teatro Quirino fino al prossimo 4 gennaio

[10-12-2008]

 
Lascia il tuo commento