Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sequestro di fuochi d'artificio

denunciato un cinese di 37 anni

Ancora un maxisequestro di fuochi d’artificio pericolosi. La Guardia di Finanza ha individuato e bloccato 200mila fuochi illegali , che erano conservati senza alcuna autorizzazione in un capannone sulla via Prenestina. Il magazzino, ricavato all’interno della struttura, non rispettava le più elementari norme di sicurezza.

Le forze dell’ordine hanno denunciato un 37enne cittadino cinese, titolare del magazzino. Tra il materiale pirotecnico sequestrato gli ultimi ritrovati dei botti: una specie di lampadine – mortaio , razzi, magnum e petardi . Gran parte del materiale pirotecnico sequestrato nelle ultime settimane è prodotto in Cina ed è importato illegalmente nel nostro paese.

In minima percentuale viene realizzato in alcuni stabilimenti della Campania che, fino a pochi anni fa, aveva il monopolio di questo tipo di produzione. Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza stanno intensificando il controlli con l’avvicinarsi del Capodanno. La legge prevede che, anche quando si tratti di botti legali, ma pericolosi, per la detenzione ci sia bisogno di una particolare licenza e del porto d’armi, non solo inoltre il quantitativo massimo di detenzione è di 25 chili, mentre nelle ultime due operazioni carabinieri e Guardia di Finanza ne hanno sequestrate ben 7 tonnellate.

 
 

[10-12-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE