Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Burning Plain - Il confine della solitudine

di Guillermo Arriaga. Con Charlize Theron, Jennifer Lawrence, Kim Basinger

di Francesco Picerno

Gina ha una relazione clandestina con un uomo; Sylvia lavora in un ristorante di lusso e prova a dimenticare un passato traumatico; Mariana è un’adolescente che instaura una relazione con un coetaneo e condivide con lui la morte di un genitore, e Maria è una bimba che assiste all’ incidente aereo del padre…

Guillermo Arriaga, già sceneggiatore di Alejandro Inarritu, esordisce alla regia, con quattro storie al femminile che si intrecciano tra il New Mexico e gli Stati Uniti, non rinunciando alla sua cifra stilistica: vicende intrecciate ad incastro che si alternano tra passato, presente e futuro, per scoprire destini in comune tra i personaggi.

Con uno stile piuttosto sobrio - al contrario del connazionale InarrituArringa punta prevalentemente sulle doti recitative di due sex symbol del cinema: una brava Charlize Theron - ancora una volta molto in parte quando si tratta di uscire dal clichè della femme fatale - e una stagionata Kim Basinger - in una prova più matura e complessa del solito. Ne esce un ritratto esistenziale molto avvilente e straziante che, pur strutturato con una narrazione a puzzle, riesce a mantenere una linearità di racconto non compiaciuta e leggibile.

A non funzionare sono il tratteggio dei personaggi, non tutti ben delineati, oltre ad alcune scene mal riuscite - la fuga della Theron con l’amante - e a situazioni piuttosto inverosimili - l’incendio del camper visto dal punto di vista della figlia della Basinger. Nonostante il mestiere, la pellicola alla fine risulta poco convincente e non riesce a coinvolgere a fondo lo spettatore. Colpa anche di un racconto con poche sequenze degne di nota e fatto di troppi silenzi e di dialoghi non sempre ben riusciti.

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[24-11-2008]

 
Lascia il tuo commento