Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Control

di Anton Corbijn. Con Sam Riley, Samantha Morton

di Rosario Sparti

Ascesa e caduta di un mito fragile, quello di Ian Curtis. Il giovane mancuniano, cantante della band post-punk Joy Division, è al centro di questa biografia musicale che ne ritrae la vita, dai disagi adolescenziali fino alla precoce e tragica fine.

Esordio nell’universo cinematografico di Anton Corbijn, noto regista di videoclip e fotografo musicale; memore delle esperienze giovanili come fotografo della band di Manchester e attirato dall’idea di mettere in scena la biografia Touching from a distance di Deborah Curtis, moglie del cantante, ha deciso, non privo di paure, di raccontarne la storia. La pellicola, uscita in Italia in notevole ritardo e in poche sale, è soprattutto il diario dell’educazione sentimentale e dei conseguenti problemi di un ragazzo trovatosi, in età precoce, a essere marito e padre mentre il successo incominciava a sorridergli.

Il tormento d’un anima che, come evidente dai testi delle sue canzoni, era abile nel trasmettere al pubblico il suo disagio, l’alienazione e l’incomunicabilità; a tutto questo sono poi da aggiungersi gli effetti proiettati nella sua psiche legati all’epilessia, di cui soffriva, e le dosi di barbiturici che prendeva per sedare la malattia. Nel film, splendidamente fotografato in un iper contrastato bianco e nero, risalta la prova mimetica del protagonista Sam Riley, cantante anche delle nuove versioni delle canzoni presenti nella pellicola, che riesce abilmente a trasmettere le emozioni del personaggio, dalla passione adolescenziale per miti musicali come Iggy Pop o David Bowie fino all’angoscia epilettica dei suoi ultimi concerti.

Un biopic che probabilmente, come sempre nel genere, lascerà insoddisfatto qualche spettatore, anche per la scelta di seguire soprattutto le vie del cuore di Ian Curtis, ma che si eleva dalla media per il sentimento sincero che ne nuove le fila, la qualità delle esecuzioni musicali e per lo splendore classicista di alcune sequenze come quella finale.

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[24-11-2008]

 
Lascia il tuo commento