Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

La Roma si ritrova

Bella vittoria a Lecce: al Via del Mare gol e spettacolo

Segnali di vera Roma, finalmente. I giallorossi, con lo slancio psicologico del derby alle spalle, a Lecce ritrovano il gioco e i gol, conducendo una gara con estrema autorevolezza e senza indugi.

 

Spalletti sceglie Taddei come sostituto dello squalificato Perrotta sulla destra, mentre Julio Baptista fa il vertice alto del rombo (complici i problemi fisici di Pizarro) alle spalle di Totti e Vucinic. In difesa a sinistra, con Tonetto indisponibile, torna Riise, mentre a destra c’è Cassetti. Dopo 4 minuti prima, grande occasione per la Roma: Julio Baptista apre ottimamente per Riise, che si presenta a tu per tu con Benussi ma conclude troppo debolmente. Il gol arriva invece all’11’, quando su azione in velocità Totti trova uno splendido corridoio per Vucinic, che stavolta infila Benussi. L’episodio influenza, e non poco, la gara: la Roma può ora giocare a ritmo più basso e controllare agevolmente un Lecce davvero poco incisivo. L’azione più pericolosa prodotta dai padroni di casa è un tiro dai 25 metri di Castillo, che arriva morbido dalle parti di Doni. La Roma, invece, quando esce dà sempre l’impressione di potersi rendere pericolosa, e al 38’ arriva il raddoppio. Su azione di corner, tiro dal centro dell’area di Brighi deviato fortuitamente da Julio Baptista, ma Juan mette in rete la palla vagante. Prima dell’intervallo, nuova bella azione della Roma con Julio Baptista che scarica al limite dell’area per Brighi, che a botta sicura non riesce ad angolare il tiro.

 

Il secondo tempo si apre con un’azione prolungata della Roma, conclusa malamente da Vucinic dal vertice destro dell’area. Al 3’, il colpo di grazia sferrato dai giallorossi: contropiede di Brighi che serve Totti, e il capitano supera Benussi col tradizionale cucchiaio. Totti mette così la parola fine sulla gara, ma non sulle sfuriate della Roma. Al 7’ traversone dalla destra ancora di Totti e Vucinic di testa centra l’incrocio dei pali. Beretta in due minuti esaurisce le sostituzioni, senza che questo incida sulla gara. Spalletti, invece, manda in campo Menez e Loria per Vucinic e Juan: è il tentativo di rilanciare due giocatori fin qui evanescenti. Il francese, al solito, si muove bene ma appare un po’ avulso dalla manovra e poco concreto. Suo è, comunque, un assist per Julio Baptista che dai sedici metri esplode un sinistro violento ma centrale. Pericolosissimo anche De Rossi, che colpisce al volo su cross di Cassetti e la palla sfiora il palo. Dall’altra parte, il Lecce è tutto in un destro di Tiribocchi da fuori area, controllato da Doni senza patemi. Spiccioli di gara per Pizarro, al posto di Julio Baptista.

 

E’ un’altra squadra, quella giallorossa, rispetto alla Roma pre-derby: solida, sicura, a tratti spettacolare. Non è, ovviamente, il caso di esaltarsi per una partita ben riuscita, ma la vittoria con la Lazio ha probabilmente indicato la strada per uscire dalla crisi per Spalletti e i suoi. Ma non c’è solo l’aspetto psicologico: il nuovo modulo studiato da Luciano Spalletti, l’ormai celebre rombo, ha portato alla Roma tre vittorie e un pareggio, otto gol fatti e due subiti. Uno contro il Chelsea sul 3-0 e l’altro è lo sciagurato autogol di Cicinho col Bologna. I numeri sono con il tecnico.

 

Simone Luciani

LECCE: Benussi; Polenghi, Stendardo, Fabiano, Esposito; Caserta, Zanchetta (15' st Ardito), Giacomazzi, Ariatti (12' st Munari); Castillo (15' st Cacia), Tiribocchi. (Rosati, Diamoutene, Antunes, Schiavi). All. BerettaROMA: Doni; Cassetti, Mexes, Juan (26' st Loria), Riise; Taddei, De Rossi, Brighi; Baptista (39' st Pizarro sv); Totti, Vucinic (21' st Menez). (Artur, Cicinho, Aquilani, Okaka, Montella). All. SpallettiARBITRO: Gervasoni di Mantova MARCATORI: 11' pt Vucinic, 38' pt Juan, 3' st TottiNOTE: spettatori 25.000 circa. Ammoniti Baptista, Esposito. Recupero 2' pt e 0' st.

[23-11-2008]

 
Lascia il tuo commento