Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Un altro pianeta

di Stefano Tummolini. Con Antonio Merone, Lucia Mascino, Francesco Grifoni

di Svevo Moltrasio

Una giornata in una spiaggia assolata nel litorale vicino Roma nel mese di giugno: personaggi solitari - gay, zitelle, professori - tra le dune e il mare si incontrano più o meno casualmente.

Opera prima di Stefano Tummolini, già sceneggiatore per Ferzan Ozpetek, UN ALTRO PIANETA ha ottenuto diversi consensi in una sezione collaterale dell’ultimo Festival di Venezia. Girato in HDV con un budget ridicolo – pare meno di mille euro – il film è riuscito ad approdare nelle sale con una esigua distribuzione che gli ha permesso comunque di diventare un piccolo caso. Un altro fenomeno, dopo PRANZO DI FERRAGOSTO, di cinema indipendente italiano che riesce a catturare attenzione nonostante la mancanza di star e affrontando temi non di cassetta.

Ambientato in un pomeriggio lungo una spiaggia del litorale laziale, il film racconta l’incontro casuale tra un omosessuale napoletano e una piccola comunità di curiosi personaggi. Tra passeggiate e chiacchierate sotto all’ombrellone, con toni ironici, il regista fa emergere lentamente le diverse personalità. La limitatezza del budget è nascosta da un ispirato e sensibile tratteggio di alcuni dei personaggi, su tutti il taciturno – almeno inizialmente – protagonista. Alla delicatezza del racconto però si alternano alcune ingenuità, soprattutto nella descrizione dei personaggi secondari, spesso caricaturali e quindi fuori luogo – il professore, la gallina toscana – cui non giova una direzione degli attori non sempre convincente.

Quando Tummolini restringe il campo, con l’uscita di scena del gruppetto, e si concentra sulla nascita di una nuova e stravagante coppietta, ottiene il meglio da questa piccola storia sull’amore. Nonostante tutte le limitatezze del caso, e una direzione verso temi e stili non nuovi per la nostra cinematografia – e di cui ci permettiamo di dire non sentiamo più nemmeno troppo il bisogno - comunque un esempio di cinema italiano più interessante di tanti prodotti strombazzati.

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[21-11-2008]

 
Lascia il tuo commento