Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Un giorno d'estate

Al Piccolo Eliseo un testo dell’autore nordico Jon Fosse

Valerio Binasco

Di Giuseppe Duca
 
Per la regia di , arriva al Piccolo Eliseo “Un giorno d'estate”, una commedia del drammaturgo norvegese Jon Fosse, considerato nel suo Paese il nuovo Ibsen. Sara Bertelà, Elena Callegari, Fabrizio Contri, Federica Fracassi, Emiliano Masala sono invece i protagonisti della piéce, fortemente voluti da Binasco.

Fosse, che il pubblico italiano conosce anche per “Inverno”, il lavoro che lo ha rivelato da noi, ha vinto nel 1995 il premio Ibsen con la commedia “Il nome” rappresentata da Thomas Ostermeier al Festival di Salisburgo. “Il suo modo di essere contemporaneo è severo, non segue mai le mode del momento - ha rilevato Binasco - I suoi personaggi sono sempre molto soli anche se vivono insieme a persone, pensano che l'amore sia l'unica cosa per la quale vale la pena di vivere. Impugna storie che esprimono la tragedia della solitudine, In questo senso, è un autore del mostro tempo, portatore di una spiritualità fredda, senza speranza”.

Testo potente, dunque, poetico e malinconico, “Un giorno d’estate ci porta in una vecchia casa isolata affacciata su un fiordo per raccontare la fine di una storia d’amore, con un gioco teatrale che unisce presente e passato, angoscia e tenerezza infinita. La scrittura di Fosse fa emergere i contorni dei personaggi attraverso delle vere e proprie partiture testuali che intrecciano parole e silenzi, detto e non detto, dicibile e indicibile. Ogni parola viene così caricata di significato ed esprime più profondamente un segreto. Le parole vengono quindi tessute con i silenzi: lo spazio del non detto, dei silenzi, delle pause è lo spazio del senso, e dei sensi, lo spazio in cui viene rivelato quello che non può essere (solo) detto. “Agli attori Fosse chiede un approccio profondo, rigoroso, come un rito, un enorme atto di sottomissione che soltanto il teatro sa dare, capace di evocare fantasmi e al tempo stesso suoni dolcissimi - ha concluso Binasco - Come del resto ho fatto io con il gruppo di attori che ho scelto per la rappresentazione di quest’opera, e di cui sono molto orgoglioso”.

“Un giorno d'estate” resterà in scena al Piccolo Eliseo fino al 7 dicembre.

[20-11-2008]

 
Lascia il tuo commento