Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

Turbolenze a bassa quota

caos negli aeroporti romani

di Simone Chiaramonte

Una maledizione si è abbattuta sui cieli italiani: volare non è mai stato così difficile. Sono decine gli articoli della stampa estera dedicati alle difficoltà di questi giorni incontrate dal trasporto aereo nella penisola.

La settimana scorsa, sottolinea El Mundo, gli aeroporti romani hanno vissuto giornate difficilissime. Agli scioperi improvvisi e alle trattative estenuanti si è aggiunto uno stormo di uccelli che si è andato a schiantare contro un volo Ryanair proveniente da Fraconforte, costringendolo all'atterraggio di emergenza. Tutto qui? Assolutamente no, perché gli attimi di paura si sono rivelati un nulla in confronto a ciò che avrebbe atteso i passeggeri dello stesso volo. Circa mille spagnoli sono infatti rimasti bloccati nella capitale italiana per due giorni, visto che  i tecnici hanno impiegato più di 36 ore a spostare l'aereo accidentato e nel primo scalo romano, dove alcuni clienti erano stati trasferiti, era in corso uno sciopero dei lavoratori Alitalia.    

Racconta il giornale economico Finanzas che una federazione di consumatori spagnoli (Facua) ha deciso di denunciare la compagnia irlandese Ryanair per mancanza di informazioni ed assistenza ai passeggeri: "I consumatori hanno vissuto momenti caotici nell'aeroporto romano, costretti a pernottare a Ciampino o a pagarsi l'alloggio di tasca propria".

Europa Press avverte invece i passeggeri internazionali di un'ulteriore situazione critica: "Il commissario straordinario Augusto Fantozzi, ha riferito che la compagnia di bandiera si vedrà obbligata a cancellare circa 100 voli sino alla fine di novembre". Un comportamento sicuramente migliore rispetto a quello di Ryanair è stato assicurato ai 10.000 clienti coinvolti nella cancellazioni dei voli, ai quali è stato pagato vitto ed alloggio in hotel per una notte. Il tutto a spese di Alitalia. O di chi ne fa le veci...

Ultimi articoli in ordine di tempo dedicati invece al via libera del governo italiano all'offerta di acquisto presentata dal consorzio CAI. "Si tratta di un primo passo verso l'accettazione definitiva dell'esecutivo", racconta Metro.es. I dettagli dell'operazione sono spiegati dal giornale d'oltreoceano The Washington Times, il quale ricorda che CAI è alla ricerca di un partner straniero. Il premier Silvio Berlusconi avrebbe assicurato al cancelliere Angela Merkel l'interessamento per la tedesca Lufthansa, che già in diverse occasioni ha operato nel mercato italiano, potenziando la sua presenza nell'aeroporto Milano-Malpensa. Gli uccelli romani dunque voleranno con maggiore tranquillità? Nulla ancora è detto, presto potrebbe arrivare la consueta smentita del premier Berlusconi.

[19-11-2008]

 
Lascia il tuo commento