Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Cadono 20 cipressi su via Appia

la rimozione avviene dopo 15 giorni

Dopo 15 giorni è iniziata l’opera di rimozione dei cipressi secolari caduti su via Appia Antica; si tratta di almeno 20 tronchi che hanno completamente invaso l’antica strada romana dopo il nubifragio del 4 novembre e che hanno praticamente bloccato l’accesso a chiunque.

"Devo ringraziare protezione civile e vigili del fuoco che sono intervenuti sabato e hanno tolto alcuni tronchi che erano caduti sulla mia casa -spiega un'abitante della zona- purtroppo sono ormai 15 giorni che i tronchi sono qui. Finalmente la situazione sembra si stia risolvendo, qui tra l'altro quando piove si allaga sempre tutto, e credo che gli smottamenti abbiano anche provocato indirettamente gli smottamenti"

Gli alberi secolari sono caduti durante il primo grande nubrifagio che si è abbattuto su roma lo scorso 4 novembre. La lunga attesa per l’intervento di protezione civile e vigili del fuoco è stata causata da problemi di competenze tra Comune e Demanio dello Stato.

Risolto l’ostacolo burocratico, gli uomini della protezione civile hanno finalmente potuto lavorare e rimarranno su via Appia Antica almeno per una settimana, i giardinieri lavoreranno anche di notte fino alla rimozione completa dei cipressi.

Il costo dell’intervento è di 25 mila euro, il Comune –come ha spiegato l’assessore all’ambiente Fabio De Lillo- ha voluto utilizzare risorse interne del servizio giardini per risparmiare.

Ma per il ritardo della rimozione dei cipressi le polemiche non sono mancate; sia da parte dei cittadini che dell’amministrazione comunale: il presidente del municipio XI Andrea Catarci è insorto contro il sindaco alemanno, “inspiegabile” aveva detto catarci. Ora, dopo 15 giorni, “la storica" strada romana sarà sgomberata anche se passerà altro tempo per il fisiologico lavoro della squadra della protezione civile.

[18-11-2008]

 
Lascia il tuo commento