Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Esuberi Alitalia

sostegno garantito ai dipendenti per 7 anni

Mentre a Fiumicino si susseguono per giorni le cancellazioni di voli e continuano i disagi per lo sciopero bianco dei dipendenti alitalia, la cai si preparara ad assumere i lavoratori  nella nuova compagnia aerea italiana, ma prima di poterlo fare deve licenziarli tutti.

Ebbene si; in realtà sarà il commissario straordinario di Alitalia, Augusto Fantozzi che ha già annunciato di aver spedito ai sindacati le 17.500 lettere di licenziamento per tutti i dipendenti.

Tecnicamente è un’azione necessaria,  per poi consentire a Cai di assumere 12.639 ex lavoratori Alitalia, che faranno un solo giorno di cassa integrazione per assicurare discontinuità e poi saranno chiamati a firmare il contratto secondo i requisiti previsti dal protocollo siglato con i sindacati.

I conti si fanno facilmente: gli esuberi –escluso i precari e l’indotto delle aziende che servono Az- sono 3.500. Ma cosa succederà a chi rimane senza lavoro? Innanzitutto nella decisione da parte di cai degli esuberi verra’ data la precedenza al personale che ha maturato i requisiti pensionistici. Per tutti è comunque prevista per 7 anni (4 anni di cassa integrazione e 3 di mobilità) la garanzia dell’80% della retribuzione attuale che si calcola con la media delle ultime 12 buste paga.
Insomma il sostegno è garantito per 7 anni, un periodo superiore alla cassa integrazione grazie anche alla copertura economica degli ammortizzatori sociali, sono infatti in arrivo altri 37 milioni di euro.

Per quanto riguarda i tempi le assunzioni cai potranno solo dopo il 24 novembre quando l’iter “licenziamenti-assunzioni” sara’ completato, non la pensa cosi’ l’azienda che vuole accelerare i tempi per l’avvio della nuova Alitalia.

ALITALIA, ANCORA DISAGI PER CHI DEVE VIAGGIARE

 
 

[18-11-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE