Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Aids nel Lazio

ogni anno 600 persone con Hiv

Dal 1985 al 31 dicembre 2007 sono state segnalate, grazie al sistema di sorveglianza delle diagnosi di Hiv, 22.624 diagnosi di infezione.

Lo ha comunicato il  presentando il Rapporto Rapporto 2007 sulla sorveglianza delle nuove diagnosi di Hiv e dei casi di Aids nel Lazio dal quale emerge che "dopo un picco alla fine degli anni '80, le nuove diagnosi sono costantemente diminuite fino al 2000''.

Dal 2000 - si legge sul Rapporto - il numero è stabile intorno a 600; nel Lazio, ogni anno viene diagnosticata una persona ogni 10.000 abitanti con Hiv. Più colpiti i cittadini romani: l'incidenza nel 2007 è stata circa doppia rispetto al resto del Lazio. C'é poi un "costante aumento dell'età alla diagnosi di infezione nel periodo 1985-2003: da una età media di 26 anni nel 1985 si è passati a 36 nel 2003, elemento rimasto poi stabile. Nel 1985 i maschi erano circa 3,5:1, rispetto alle femmine. Rapporto sceso stabilizzandosi intorno a 2:1 alla fine degli anni '90. Recentemente questo rapporto e' oscillato tra 1,8 e 3,3. Il Rapporto nasce dall'analisi epidemiologica dei dati sulle infezioni da Hiv raccolti in tutti i laboratori pubblici e privati del Lazio con il sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi da Hiv della Regione.

Oltre il 90% delle nuove diagnosi di infezione da Hiv nel 2007 riportava come fattore di rischio i rapporti sessuali. Emerge dal rapporto 2007 sulla sorveglianza delle nuove diagnosi di Hiv e dei casi di Aids presentato
stamani da Laziosanità-Asp.

In questo senso infatti emerge che nel Lazio "il quadro epidemiologico è completamente cambiato: fino al 1992 le persone che riportavano fattori di rischio legati alla tossicodipendenza erano quasi il 60% delle nuove diagnosi di infezione; nel 2007 tale proporzione si è ridotta al 5%.

Viceversa, oltre il 90% delle nuove diagnosi di infezione nel 2007 riportava come fattore di rischio i rapporti sessuali.

In termini assoluti, rilevano gli analisti di Laziosanità-Asp "i casi con fattore di rischio tossicodipendenza, dopo un picco nel 1997, sono continuamente diminuiti arrivando a poche decine nel 2007.

[17-11-2008]

 
Lascia il tuo commento