Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Changeling

di Clint Eastwood. Con Angelina Jolie, John Malkovich

di Svevo Moltrasio

Nella Los Angeles degli anni Venti, una madre lavoratrice vive il dramma della sparizione del proprio bambino. La polizia glielo riporta dopo alcuni mesi di indagini, ma la donna è convinta non si tratti di suo figlio. Sarà l’inizio di un incubo..

L’ultima fatica di Clint Eastwood è passata in concorso al Festival di Cannes, da cui, per l’ennesima volta, il regista è uscito a mani vuote – se non per un quantomeno curioso premio alla carriera -. Dopo il dittico sulla guerra di Iwo Jima – FLAGS OF OUR FATHERS e LETTERE DA IWO JIMAEastwood rimane nel passato, questa volta gli anni venti di Los Angeles, per una pellicola che stranamente non è piaciuta alla critica americana. Prendendo spunto da una storia realmente accaduta, e seguendo le documentazioni del processo che è costato la carriera ai vertici della polizia dell’epoca, il regista porta a galla un’altra vergogna americana.

La cruda vicenda contiene verità difficili a credersi che raggiungono dei tratti kafkiani, e la sceneggiatura abbraccia ogni singolo passaggio portando nel film una sovrabbondanza di temi – l’indagine, il manicomio, la corruzione, la pena di morte -. Eastwood padroneggia senza problemi ogni aspetto, grazie ad una messa in scena che rasenta la perfezione alternando diversi stili – melodramma, thriller, processuale -. Questa volta il regista usa meno giri di parole raccontando un’enorme ingiustizia nei minimi dettagli, per un grande romanzo di denuncia che cerca la partecipazione dello spettatore con tanto di catarsi finale – il processo e le condanne – e dove i cattivi sono facilmente riconoscibili già a partire dai volti. Per questo c’è un approfondimento nei personaggi che ruotano attorno alla protagonista meno sottile rispetto al solito.

Il dramma vero, che non conta su di un lieto fine, è quello di una madre e del suo bambino, ed è nel tratteggiare la sua eroina che Eastwood dà conferma della sua straordinaria sensibilità cinematografica, con alcune scene strazianti – la sfuriata contro il bambino spacciato per il figlio, o l’abbraccio finale, di una famiglia riunita, a cui assiste da spettatrice la protagonista -. Immancabilmente impeccabile il lavoro tecnico e la direzione dell’intero cast.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - eastwood - jolie
 

[16-11-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE