Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Commediasexi

di Alessandro D'Alatri. Con Sergio Rubini, Paolo Bonolis, Elena Santarelli

di Svevo Moltrasio

Intreccio da pettegolezzi tra il politico Bonfili, la velina Martina e l'autista Mariano. Tra Roma e Parigi, Montecitorio e il salotto di Porta a Porta, il caso diventerà di portata nazionale.

Nuovo lavoro per Alessandro D'Alatri: COMMEDIASEXI segue il fortunato LA FEBBRE e si pone come alternativa alle atroci commedie natalizie nostrane, contando su di un cast ricco e di stampo anche televisivo. Il regista usa gli ingredienti della commedia italiana, quella più vicina alla farsa, per raccontarci uno spaccato attuale di scandali, veline, politici mediocri e amanti.

Gli ingredienti per incuriosire un' ampia fascia di pubblico sulla carta ci sono e l'idea di coinvolgere come protagonista Paolo Bonolis può sembrare azzeccata. Come nelle altre opere il regista punta più in alto di quanto apparentemente possa sembrare, e la seconda parte della storia assume connotati più ampi, con tradimenti, rappacificamenti e curiosi perdoni.

Peccato che il film si ripieghi frettolosamente negli stessi stereotipi che vorrebbe sbeffeggiare, finendo per diventare un canovaccio anonimo e sgangherato. Nonostante la presenza di Sergio Rubini, D'Alatri non riesce a congegnare gag memorabili, e il riso affiora solo di rado contribuendo ad accrescere una certa pesantezza nel racconto con una coda narrativa davvero pasticciata. Bonolis che gradualmente si trasforma in una brutta copia di Sordi è rimandabile, la Santarelli, velina che si presta alla recitazione - nella finzione così come nella realtà -, è bocciata.

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[18-12-2006]

 
Lascia il tuo commento