Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Operazione dei carabinieri a Tor Bella Monaca

arrestato latitante romeno

Un assedio in piena regola della periferia sud della Capitale da parte dei carabinieri. 250 uomini dei vari reparti, con l'ausilio di unità cinofile, hanno eseguito, per tutta la notte, posti di controllo e perquisizioni nel quartiere di Tor Bella Monaca.

Un cittadino romeno, latitante da 12 anni, responsabile di omicidio a scopo di rapina commesso in Serbia, è stato arrestato. Nel corso di un'altra perquisizione arrestati 2 africani con circa 5 chilogrammi di eroina. Oltre 500 le persone controllate nei posti di blocco. Quattrocentocinquanta le persone e 219 i mezzi controllati nel corso dell'intera notte ad opera dei vari dispositivi messi in atto dai militari del Comando Provinciale dei Carabinieri.

Nel corso delle perquisizioni domiciliari, avvenute tra le borgate di Tor Bella Monaca e Borghesiana, sono state arrestate quattro persone. In particolare, due cittadini africani, clandestini in Italia e pregiudicati, di 27 e 35 anni, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in quanto sorpresi all'interno della propria abitazione in possesso di una ingente quantità di eroina.

Nel corso della perquisizione, avvenuta anche con l'ausilio di unità cinofile antidroga dell'arma, i carabinieri hanno rinvenuto all'interno di un borsone nascosto in un ripostiglio circa 5 chilogrammi di  eroina. Sempre nel corso della nottata i carabinieri hanno arrestato un giovane pusher italiano pregiudicato che è stato colto in flagranza mentre spacciava cocaina ad altri coetanei.

Nell'ambito dell'attività, nella rete dei carabinieri è caduto anche un cittadino romeno, latitante da 12 anni, responsabile di omicidio a scopo di rapina commesso in Serbia. Il ricercato in campo internazionale, sprovvisto di documenti, inizialmente ha tentato di nascondere ai militari la sua vera identità. I riscontri delle impronte digitali lo hanno però inchiodato.

[14-11-2008]

 
Lascia il tuo commento