Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Prestige

di Christopher Nolan. Con Christian Bale, Hugh Jackman, Scarlett Johansson

di Svevo Moltrasio

La Londra di fine Ottocento fa da scenario ad un' acerrima rivalità tra due giovani prestigiatori senza scrupoli: tra trucchi e magie, scorrerà copioso il sangue.

Traendo spunto da un romanzo, e coadiuvato alla sceneggiatura dal fedele fratello Jonathan, Christopher Nolan auto produce il suo nuovo lavoro che segue il bellissimo BATMAN BEGINS e che rientra nella categoria dei film più personali dell'autore. THE PRESTIGE è un' opera davvero complessa, difficile sia nella visione quanto nella trasposizione sintetica della trama, ricca com'è di colpi di scena, ribaltamenti, trucchi e ammiccamenti.

Nolan vuole giocare con lo spettatore raccontando una sontuosa messa in scena che si struttura su decine di livelli, creando un vortice di sottotesti che disorientano il pubblico ma che si lasciano seguire fino in fondo. Sta qui la grandezza del regista che sollecita l'attenzione di chi guarda senza mai ricercare il semplice colpo ad effetto, cercando la partecipazione del pubblico come un qualsiasi buon prestigiatore. La storia è davvero intrigata ma Nolan riesce a renderla al meglio tenendosi saggiamente lontano da appariscenti preziosismi di regia, ed anzi con uno stile asciutto condensa sapientemente i virtuosismi nella sceneggiatura e nel montaggio.

Dietro ad una confezione di grandissima qualità, con un cast monumentale e l'apparenza del film di genere, THE PRESTIGE nasconde un vero e proprio saggio sulla messa in scena, sebbene a livello narrativo inerente alla magia, non si fatica in realtà ad accostarlo ai trucchi del cinema stesso - non a caso le vicende si svolgono agli albori del cinematografo -. Film coraggioso e appassionante, complesso e godibile, contiene le migliori qualità non tanto nei continui colpi di scena, che con la frequenza con cui si susseguono rischiano a volte di essere intuibili - su tutti quello finale -, quanto nei rovesciamenti che questi determinano nelle proprietà dei personaggi e delle situazioni, disorientando lo spettatore che non sa mai per chi parteggiare.

 



votanti: 4
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[26-12-2006]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE