Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Mostre Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Mostre Roma
 
 

Roma dei Cesari al Museo della CiviltÓ

esposizione ''Il divo Ŕ tratto''

Di Manuela Navazio

Viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta della Roma dei Cesari, tra vicoli, strade e piazze riproposte in mostra dal tratto di Gilles Chaillet, uno dei maggiori disegnatori francesi. Visitabile fino al primo marzo al Museo della Civiltà Romana, l'esposizione dal titolo “Il divo è tratto” espone venti tavole originali disegnate a matita dal maestro francese, offrendo ad appassionati di storia, disegno e archeologia ma anche ai tanti non addetti ai lavori un'insolita visita alla Roma antica. ''I punti forte dell'esposizione - ha dichiarato Umberto Broccoli, sovrintendente ai Beni Culturali del comune di Roma - sono i disegni perché sul disegno si basa la nostra fantasia, perché la migliore raffigurazione del mondo antico si ha con l'interpretazione personale trasposta in disegno''.

Un'importante esposizione dal forte carattere didattico ospitata in un museo che nelle intenzioni della soprintendenza andrà rivalutato ed ammodernato. ''Questo è un museo importante, un museo del museo. Dà la sensazione viva della Roma antica, è un successo mediatico. Va potenziato e valorizzato. Nell'arco del mio mandato - ha aggiunto Broccoli - mi impegno a potenziare questa struttura. Tra le idee percorribili, ad esempio, l'utilizzo del piazzale Agnelli, che ha la forma di un anfiteatro, come luogo dove allestire rappresentazioni teatrali che implicitamente possano essere un invito a visitare il museo''.

A corredare e riepilogare il lavoro di Gilles Chaillet celebrato in mostra è il volume “Nella Roma dei Cesari”, edito in francese, tedesco, giapponese ed italiano. Alla base del processo creativo e dei disegni è lo studio del plastico di Roma antica realizzato da Gismondi e dalla passione per la storia e l'archeologia che Chaillet ha coltivato sin dall'età di nove anni. L'artista inizia sin da giovane a realizzare a mano una gigantesca pianta topografica dalla quale trae poi un centinaio di tavole a colori. Ne scaturisce un racconto tra i quartieri della città esplorati da un viaggiatore immaginario, il personaggio di Flaiano. Attraverso gli occhi stupiti del protagonista, nato dalla fantasia di Gilles Chaillet, il visitatore potrà lasciarsi affascinare dalle suggestioni tipiche della Roma del IV secolo, ricostruita con efficace realismo.

A colpire sono la qualità del tratto insieme all'attenzione spasmodica ai particolari, alle proporzioni, alle più piccole sfumature. Una mostra ed un volume che rappresentano per l'artista la realizzazione di un sogno coltivato sin da bambino. ''Ho scoperto la passione per la Roma antica all'età di nove anni sfogliando le pagine del libro a fumetti 'Le avventure di Alix' e le cartoline e le mappe che mi sono state regalate da mia zia. Da qui - ha sottolineato l'artista - l'idea di disegnare la città di Roma che ho realizzato tra il 1989 ed il 2003''. A fare della mostra un'esperienza didattica unica, inoltre, sono la realizzazione di laboratori creativi e visite interattive e drammatizzate, vere e proprie mini rappresentazioni alla scoperta della Roma antica accompagnate dalla visita alle sale del Museo.

[10-11-2008]

 
Lascia il tuo commento