Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Piloti e assistenti verso lo sciopero

Alitalia: 14 giorni di stop

I piloti Alitalia aderenti ai sindacati autonomi Anpac, Unione piloti, Anpav, Avia ed Sdl hanno preannunciato altri 14 giorni di sciopero oltre a quello giù proclamato per il 25 novembre. Le 14 date sono: 6 dicembre 2008; 7, 16 e 27 gennaio 2009; 9 e 20 febbraio; 3, 16 e 27 marzo; 7 e 20 aprile; 4, 15 e 26 maggio.

Le organizzazioni sindacali denunciano "la gravissima situazione che si è venuta a creare con il perpetuarsi dell'atteggiamento di rigida chiusura adottato dalla Cai fortemente sostenuta dal governo. Cai - si legge ancora - con la complicità di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, ha stravolto e disatteso i contratti collettivi di lavoro già concordati e sottoscritti a settembre a palazzo Chigi da tutte le sigle sindacali e dal governo". La firma del cosiddetto "lodo Letta" dello scorso 31 ottobre scorso da parte dei sindacati unitari, rappresenta per le associazioni di piloti e assistenti di volo "il punto più basso mai raggiunto sia in termini di rispetto della democrazia e della rappresentanza, sia rispetto al ruolo primario del sindacato che così riconosce implicitamente la propria incapacità di tutelare i lavoratori, consegnando all'insindacabile giudizio di una terza parte governativa l'avallo allo stravolgimento di contratti collettivi di lavoro già sottoscritti".

Le organizzazioni di categoria denunciano l'adozione di "criteri di assunzione iniqui, socialmente inaccettabili e non rispettosi delle anzianità aziendali maturate dai lavoratori. Inoltre il rifiuto posto dalla Cai a utilizzare il part-time nelle assunzioni, senza oneri aggiuntivi per l'azienda, e l'inscindibilità dell'offerta fatta al commissario che di fatto esclude offerte già pervenute per Volare e per Alitalia Express ma senza fornire le medesime garanzie occupazionali per i lavoratori coinvolti, ingigantisce il numero delle eccedenze di personale generando ulteriori quanto evitabili disastri sociali oltre che costi aggiuntivi a carico della collettività. Il tutto mentre Cai beneficerà di enormi vantaggi in materia di decontribuzione previdenziale e defiscalizzazione". L'operazione Cai, secondo le associazioni sindacali dei piloti, "genererà paradossalmente un costo per i contribuenti superiore a quello della vecchia Alitalia indebitata e inefficiente.
 
 

[10-11-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE