Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, ci risiamo

Deludente pareggio a Bologna: decisiva l'autorete di Cicinho negli ultimi minuti.

Sembra davvero un incubo dal quale non si esce più. Tutti erano convinti che la vittoria col Chelsea avrebbe dato la svolta alla stagione giallorossa, e invece appena tre giorni dopo arriva la smentita. A Bologna, contro una squadra (al momento) tra le meno competitive del campionato e reduce dal cambio di allenatore, gli uomini di Spalletti hanno dato vita a una prova spenta, poco convinta e coronata da un clamoroso pasticcio finale.

 

Spalletti conferma la formazione che ha battuto il Chelsea e il modulo 4-4-2. Mihajlovic, invece, chiude ermeticamente i suoi a difesa della propria metà campo. Nonostante questo, sono i padroni di casa a rendersi pericolosi per primi: al 7’ Marchini conclude in area da posizione defilata e costringe Doni a una parata complicata. L’attenzione ai meccanismi difensivi imposta da Mihajolovic e lo scarso dinamismo giallorosso sulle fasce, causato dall’impiego di due esterni non di ruolo come Brighi e Perrotta, rendono la partita noiosa e la Roma improduttiva. In difesa, invece, la buona notizia è che Juan sembra tornato quello dello scorso anno. Le cose migliori, da parte giallorossa, vengono dopo la mezz’ora. Al 34’ Pizarro crossa dal fondo ma Vucinic, da due passi, devia troppo debolmente. Due minuti dopo, Brighi conclude con il destro una buona azione, ma la traiettoria è centrale. I ritmi alti favoriscono anche le ripartenze del Bologna, che nel finale si rende pericoloso con Di Vaio: ottima azione personale sulla sinistra conclusa da un tiro a girare di poco fuori.

 

Nel secondo tempo la Roma si ripresenta con Tonetto al posto dell’infortunato Mexes. Paradossalmente, è proprio questo cambio che consente ai giallorossi di essere più rapidi e imprevedibili, almeno a sinistra. Proprio da sinistra parte un’azione che consente, al 13’, a Perrotta di concludere da centro area: il piatto destro è fuori. Al 19’, buona occasione per Di Vaio che non trova la porta da due passi: nell’azione l’attaccante del Bologna colpisce la testa di Doni, coraggiosissimo nell’uscita. Il portiere è costretto a lasciare il campo ad Artur. Al 23’, la Roma trova il gol: sugli sviluppi di un calcio di punizione Tonetto va al cross in area, Totti stoppa meravigliosamente nonostante la deviazione e trafigge Antonioli (tutt’altro che incolpevole). A questo punto i giallorossi sembrano poter gestire serenamente il risultato, vista anche l’impostazione di gara da parte del Bologna. Fino alle fasi finali del match, quando i giallorossi arretrano e i risultati si vedono: al 38’ Marazzina viene fermato in fuorigioco (inesistente) quando era a tu per tu con Artur. Il crescendo bolognese è premiato, clamorosamente, al primo minuto di recupero, quando Cicinho devia nella propria porta un cross di Di Vaio.

Ormai l’incapacità di vincere della Roma è quasi patologica. Così come gravissima è la situazione di classifica: i giallorossi, dal quartultimo posto, vedono a una distanza abissale non solo la vetta ma anche il quarto posto. Spalletti ha riconfermato un modulo evidentemente buono quando si deve agire di contropiede, come contro il Chelsea, ma tutt’altro che efficace quando si deve fare il gioco, e ci sarebbe necessità di esterni dinamici e di ruolo. Emblematico, poi, il fatto che i quattro acquisti estivi erano tutti in panchina, segno di un mercato che (fin qui) risulta essere totalmente sbagliato, e non migliora la situazione il cambio di modulo, che rischia di lasciare Spalletti con pochi ricambi a centrocampo e troppi in avanti. Domenica sera, intanto, c’è il derby, e la Roma ci si avvicina più fragile che mai.

 

Simone Luciani

 BOLOGNA: Antonioli; Zenoni, Moras, Terzi, Lanna; Adailton (15' s.t. Marazzina), Marchini (32' s.t. Coelho), Mudingayi, Carrus, Valiani (37' s.t. Bernacci); Di Vaio. (Colombo, Britos, Confalone, Rodriguez). All. Mihajlovic. ROMA: Doni (20' s.t. Arthur); Cicinho, Mexes (1' s.t. Tonetto), Juan, Panucci; Perrotta, Pizarro, De Rossi, Brighi; Pizarro; Totti (41' s.t. Baptista), Vucinic. (Loria, Cassetti, Taddei, Menez). All. Spalletti.

ARBITRO: Orsato di Schio.

MARCATORI: Totti (R) al 23', autorete di Cicinho (R) al 46' s.t.  

NOTE: spettatori 25 mila circa. Ammoniti Mudingayi, Totti, Pizarro, Terzi. Recupero: 1' p.t., 5' s.t.

[09-11-2008]

 
Lascia il tuo commento