Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

L'uomo che ama

di Maria Sole Tognazzi. Con Pier Francesco Favino, Monica Bellucci

di Rosario Sparti

Torino. Roberto è un quarantenne innamorato perdutamente della sua donna, all'improvviso questa relazione si interrompe e l'uomo rimane emotivamente sconvolto dall'accaduto. In un momento differente nel tempo Roberto intreccia una nuova relazione amorosa, questa volta i ruoli si capovolgono e l'uomo finisce per decidere di troncare il rapporto con la donna. In entrambi i casi, attraverso anche le parole e i gesti dei familiari, l'uomo non potrà che arrendersi di fronte a quel sentimento bello e crudele che è l'amore.

Maria Sole Tognazzi, figlia di cotanto padre, ritorna dietro la macchina da presa dopo il suo esordio con PASSATO PROSSIMO, dove già ad accompagnarla c'erano attori come Favino e musicisti come Carmen Consoli, in questo caso autrice della colonna sonora e di un brano inedito. La regista raccogliendo i frammenti di un discorso amoroso cerca di scavare nell'animo del maschio, tracciando con sensibilità i patemi legati alla doppia figura di vittima e carnefice di una relazione sentimentale. Si tratta d'un ritratto intimo, spietato, diretto di quello che è l'animo d'un uomo in preda ai suoi sentimenti; a tutto questo da corpo un Favino sempre più convincente, a cui si affiancano i rodati Ninchi e Degli Esposti nel ruolo dei genitori del protagonista e l'almodovariana Marisa Paredes, e il bravo Michele Alhaique.

La scintilla che ha fatto scoccare l'interesse della regista verso questa storia è intrecciata al coraggio nel voler raccontare da un punto di vista femminile il mondo emotivo maschile, che spesso tra banalità e generalizzazioni è raccontato tra aridità,cinismo e piattezza. Il risultato è discontinuo tra momenti toccanti, altri ironici ed invece scene in cui sembra esserci un filtro tra il protagonista e gli spettatori. Non si tratta d'un capo d'opera certamente ma rimane una pellicola che,senza scadere nel sentimentalismo o nella bassa sociologia,riesce a tratti nell'intento di raccontare con leggerezza e sensibilità quello che gli uomini non dicono.

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[01-11-2008]

 
Lascia il tuo commento