Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Polemiche sugli scontri

la dinamica della rissa di piazza Navona è su You Tube

la polizia interviene dopo gli scontri

Il giorno dopo gli scontri a piazza Navona si scatenano le polemiche sulla dinamica di quanto accaduto. Il bilancio è di quattro feriti, tre manifestanti e un poliziotto, tutti medicati all'ospedale Santo Spirito.

Due gli arrestati: un militante di sinistra, di 34 anni, e un militante di destra di 19 anni. I due giovani fermati mercoledì per gli scontri in piazza Navona. Yassir Goretz di Rifondazione, e Michele Bauml di Blocco Studentesco, sono stato giudicati per direttissima e già rilasciati. Il primo è imputato di lesioni, per aver colpito un'agente mentre si divincolava e resistenza. Bauml soltanto di resistenza. Il processo per entrambi è fissato al 17 novembre. 

Per ricostruire quanto successo a piazza Navona, proprio nel giorno in cui il Senato ha approvato il decreto sulla scuola Gelmini, la stessa polizia sta analizzando i filmati su you tube, video pubblicati sia da testate giornalistiche che dai ragazzi che manifestavano. In piazza si riconoscono chiaramente gli studenti del Blocco Studentesco (quelli della destra radicali) e dell’Unione degli Studenti (vicini alla sinistra) che sfilano assieme.

IL VIDEO DEL BLOCCO STUDENTESCO

Ma prima di mezzogiorno il clima cambia, da piazza San Pantaleo sbuca il corteo degli universitari, ci sono i collettivi della Sapienza e di Roma Tre, i Cobas e i centri sociali. Si alzano cori contro i ragazzi di destra che arretrano di qualche metro, la maggior parte dei ragazzi scappa e si allontana da una situazione al limite dello scontro. Intanto circa un centinaio di persone, probabilmente vicini alla sinistra, creano una sorta di falange, il gruppo in testa avanza con caschi e cappucci. Poi prendono delle sedie, lanciano bottiglie e posacenere dei ristoranti contro i ragazzi del blocco studentesco, che intanto si sono “armati” con dei bastoni avvolti in bandiere tricolore. Lo scontro è cruento, a questo punto interviene la polizia per separare le due fazioni.

Dalle immagini è chiaro come siano solo poche centinaia i ragazzi venuti veramente allo scontro, gli altri, la maggior parte avrebbero voluto solo una protesta pacifica.

 
 

[30-10-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE