Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

22 rapine in cinque mesi

minacciavano con fucile e ascia

Sono stati riconosciuti grazie all'analisi dei filmati delle telecamere, sono autori di altre 12 rapine i due rapinatori romani di 30 e 32 anni, già in carcere per essere stati arrestati dai carabinieri della compagnia San Pietro, perché responsabili di 10 rapine.

I due agivano armati di fucile a canne mozze e ascia, principalmente ai danni di farmacie. La nuova ordinanza di custodia cautelare è stata notificata in carcere dai carabinieri che li avevano arrestati lo scorso mese di Giugno. Passano quindi a 22 le rapine finora accertate e dai due e compiute in meno di 5 mesi.

La coppia di banditi fu individuata dai militari nel nascondiglio alle porte di Roma, in un'insospettabile villa, dove furono sequestrate poi armi, vestiti ed altro materiale adoperato per compiere le rapine. Ad inchiodarli furono le immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso di alcune farmacie, oltre alle varie deposizioni fornite dalle vittime e dai testimoni. I due malviventi, durante uno dei colpi che tentarono di portare a termine, ai danni in quell'occasione di un distributore di benzina, esplosero un colpo di fucile a canne mozze contro il vetro blindato del gabbiotto della cassa notturna. I pallini non trapassarono la protezione, ma il benzinaio di turno rimase gravemente ferito al volto da alcune schegge di vetro, colpevole di non aver ceduto alla loro minaccia.

[24-10-2008]

 
Lascia il tuo commento