Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Lina, quella che fa brutti sogni

Al Piccolo Eliseo un testo di Massimo Salvianti vincitore del premio Extra Candoni 2007

Di Giuseppe Duca
 
Ha debuttato con successo l’altra sera al Piccolo Eliseo Patroni Griffi “Lina, quella che fa brutti sogni”, un testo di Massimo Salvianti, vincitore del premio ExtraCandoni 2007, interpretato da Fulvia Carotenuto per la regia di Pierpaolo Sepe.

E’ la storia di un piccolo mistero, di un delitto e di una colpa rimossa. Dopo aver ucciso un uomo, il Maresciallo da cui era a servizio fin da ragazza, Lina da trent’anni è chiusa in un istituto psichiatrico. L’incontro con un medico di fede basagliana, che inizia con lei un percorso di recupero basato sull’applicazione dei principi della riforma del grande psichiatra triestino che hanno ispirato la legge 180 in Italia, aiuterà Lina a ricordare e, accettando il ricordo, a ricostruire le ragioni del suo gesto e forse a superare un trauma. Scorrono così le immagini della poverissima infanzia di Lina in un basso napoletano, gli anni umilianti passati a Firenze a servizio come domestica, l’attaccamento alla piccola Giulia, figlia dei padroni di casa, fino all’affiorare della memoria di un tragico gesto. “Il testo è nato da solo, si è fatto da se, strada facendo, una parola, una battuta, una scena dopo l’altra – ha spiegato Massimo Salvianti - É la verità, nessun progetto, nessuna istanza sociale, politica, umana, artistica è responsabile della sua scrittura anche se  dentro, una volta finito il testo, ho ritrovato umanità e politica e tutto il mondo che conosco. Non mi ha ispirato, come altre volte era successo, un fatto di cronaca, un episodio autobiografico, una cosa sentita dire, un’emozione  proveniente da un’immagine, da una storia”.

Fulvia Carotenuto interpreta la protagonista con forza istintuale, calore e umanità, in un ritratto di popolana in cui echeggiano le importanti esperienze teatrali della sua carriera di interprete del miglior teatro partenopeo. Affiancano la protagonista con intensità Irma Ciaramella, Emanuela Lumare, Andrea Manzalini, Marco Natalucci. Le scene sono di Daniele Spisa, i costumi di Giuliana Colzi, le luci di Vincenzo Alterini.

“Lina, quella che fa brutti sogni” resterà in scena al Piccolo Eliseo Patroni Griffi (Via Nazionale, 183. Telefono botteghino: 06 4882114 | 06 48872222) fino al 2 novembre.

[23-10-2008]

 
Lascia il tuo commento