Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Hurt Locker

di Kathryn Bigelow. Con Jeremy Renner, Christian Camargo

di Svevo Moltrasio

Nell’Iraq martoriato dalla guerra una squadra specializzata nel ritrovamento e smantellamento delle mine convive quotidianamente con la paura della morte e la lontananza dai propri cari. Almeno così dovrebbe essere..

La regista Kathryn Bigelow torna al cinema a sei anni dal deludente K-19: nella prima metà degli anni 90 era tra gli autori più in voga grazie ai successi di film come POINT BREAK e STRANGE DAYS. Questa volta fatta eccezione per qualche comparsata di lusso – Ralph Fiennes – il cast è composto di giovani e poco conosciuti attori americani. Il film è stato in concorso all’ultimo Festival di Venezia ed è uscito in sala da noi prima ancora che in patria.

Il cinema americano si confronta con la guerra nel Medio Oriente ormai abitudinariamente, e di pellicole rivolte all’attualità se ne vedono ogni anno. La Bigelow porta la scena direttamente sul campo in Iraq seguendo le attività quotidiane di una squadra di artificieri. In uno scenario infernale, dominato da distruzione e morte, la regista si affida a molta camera a mano, con una fotografia sgranata che immortala grandi esplosioni con dovizia di particolari. Sebbene la Bigelow maneggi con abilità la tensione in ogni scena, confezionandone alcune in maniera impeccabile, lo stile però non si distacca di molto da certo cinema americano.

Quello che più delude è l’inconsistenza alla base del racconto, dove ogni risvolto psicologico o sociale lascia decisamente a desiderare, a partire dall’assunto chiarito dalla didascalia iniziale, ovvero che la guerra crea dipendenza. Se sembrava un banale quanto efficace reportage, il film si trasforma, in più di due ore, in una riflessione risaputa e a tratti confusa che sfigura al confronto con altre pellicole del genere. Troppo approssimativo anche il tratteggio dei personaggi per far si che il film assumi spessore. Sopravvalutato visti i premi ricevuti, compresi sei Oscar.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - bigelow - renner
 

[18-10-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE