Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

“Di’ a mia figlia che vado in vacanza”

lo spettacolo diretto da Maddalena Fallucchi al Teatro Due

Debutta venerdì prossimo 17 ottobre in prima nazionale assoluta, al Teatro Due, l’audace e commovente, a tratti comico, spettacolo già vincitore del premio Molière in Francia, “Di’ a mia figlia che vado in vacanza”, diretto da Maddalena Fallucchi e interpretato da Alessandra Fallucchi, nonché da una teatralmente inedita Grazia Di Michele e da Martina Marone. Un’occasione imperdibile per applaudire la stessa cantautrice che negli anni ha regalato al suo pubblico raffinate e coraggiose canzoni di cui molte dedicate al mondo femminile, che si cimenta ora con il teatro, non solo scrivendone le musiche ma interpretando un difficile e intensissimo ruolo di co-protagonista.

E’ una storia ambientata in prigione, un tempo scandito dal rumore dello scatto delle serrature che si aprono e si chiudono, delle chiavi che sbattono appese alle cintole delle sorveglianti, delle risse, delle ciotole sbattute contro il pavimento. E in una di queste celle, soffocante, già fin troppo stretta, vive una detenuta della banlieue che si ritrova all’improvviso a condividere l’esiguo spazio con un’altra, così diversa da lei, così per bene, schizzinosa, dell’altro mondo. Entrambe sono portatrici di una storia, di un segreto che verrà svelato nel tempo, man mano che le due donne impareranno a conoscersi, a convivere, e lentamente a volersi bene. Un rapporto intimo come le pareti che le stringono intorno, un linguaggio comune tutto da costruire, una solidarietà che sa trasformare in comica anche la situazione più tragica, un’amicizia che è lo specchio della forza femminile e che le canzoni di Grazia di Michele sanno esprimere così bene.

Ed è proprio questa la particolarità di questa cantautrice unica nel suo genere: essere riuscita a raccontare non solo la fragilità ma anche il potere delle donne, cogliendo i diversissimi ambiti sociali in cui esso si esprime. Questa è la volta di un carcere, luogo a cui nessuno vuole pensare, ma che dietro le sue mura vive, costruisce relazioni, drammi, colpi di scena inaspettati che in questo spettacolo sono un vero e proprio “coup de Théatre”, magistralmente scritto da Denise Chalem, scrittrice francese di tradizioni ebraiche.

Le scene e costumi sono di Maria Alessandra Giuri, mentre il disegno luci di Paolo Macioci.

Lo spettacolo resterà in scena al Teatro Due (Vicolo Due Macelli 37 – Tel. 06.6788259) fino al 16 novembre.

[14-10-2008]

 
Lascia il tuo commento