Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Alemanno e Tariceanu

a scuola per l'integrazione

Alla elementare "Aralia", al Trullo, il pomeriggio è dedicato alle lezioni di lingua e cultura romena. Sui banchi bimbi romeni o figli di genitori romeni. A far loro visita, oggi pomeriggio, il primo ministro Calin Popescu Tariceanu e il sindaco di Roma Gianni Alemanno.

"Farò ogni sforzo possibile affinché Roma sia una città della fratellanza - ha detto il sindaco - Ho ribadito al primo ministro che consideriamo quello romeno un popolo fratello sia perché europeo sia per le comune radici e per questo ho regato ai bambini un libro sugli antichi romani che sono antenati comuni". "Da questo punto di vista - ha sottolineato Alemanno - qualsiasi ombra deve essere sgombrata: oggi l'incontro tra il
primo ministro rumeno e Berlusconi è andato benissimo". Il sindaco ha fatto poi notare: "Questi bambini sono perfetti bilingue e ciò dimostra che c'è una possibilità di integrazione vera.

Un brave incontro per augurare ai giovani studenti un buono studio, nel rispetto delle due diverse culture. Il progetto, finanziato dalla Romania, mira all’apprendimento della letteratura e della storia della Romania anche per i ragazzini italiani, nella convinzione che la conoscenza rappresenta la via maestra che porta all’integrazione e al rispetto reciproco.

E a Roma, con quella romana al primo posto tra le comunità straniere, l’esperienza della "Aralia" costituisce un esempio da replicare in altri quartieri e con altre comunità straniere. Trai regali un compiuter, e libri, compreso quello sull’antica Roma che – ha sottolineato Alemanno – spiega come Roma e Romania i passato erano una sola cosa. Dell’isola felice della Aralia si sarebbe potuto e voluto raccontare più a fondo.

 
 

[10-10-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE