Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

La Roma si sveglia

Reggina strapazzata per 3-0: segni di reazione.

La Roma si rialza. In un modo o nell’altro si rialza. Con un risultato ampio, con un primo tempo discutibile e con una ripresa ben più autorevole. La vittoria con la Reggina significa ossigeno e slancio verso un trittico di partite (Genoa, Atalanta e Bordeaux) tutt’altro che semplice.

 

In difesa, di nuovo in scena le seconde linee (si fa per dire) Panucci e Loria, mentre stavolta Cassetti è preferito a Cicinho. Brighi prende il posto di Pizarro, e Menez esordisce dal primo minuto a sinistra. Panchina di lusso con Mexes, Perrotta e Totti. L’inizio della partita è tutt’altro che entusiasmante: prima leggera supremazia della Reggina, poi della Roma, senza lo straccio di un’emozione. Al 7’ buon tiro dal limite di Vigiani che si perde a lato. La prima conclusione giallorossa è invece un sinistro di Aquilani al 17’, ampiamente fuori. Cinque minuti dopo, ci prova di prima Menez, ancora dal limite, con palla alta. A metà tempo, scontro pauroso tra Loria e Doni, col difensore che perde sangue dalla testa, ma che stringe i denti. Al 32’ gran palla di Aquilani per Menez, che a tu per tu con Campagnolo ma da posizione defilata prova un cross che attraversa l’area piccola. Al 37’ grave errore di De Rossi (non in serata) che fa ripartire il contropiede della Reggina, che si perde al limite dell’area. Il vantaggio giallorosso arriva nel primo minuto di recupero: su azione di calcio da fermo, doppio, clamoroso errore della difesa Reggina, prima con Cirillo e poi con Valdez, ed è ancora Panucci ad andare in gol, a porta vuota. Il gol è casuale, ma si capisce che può sbloccare una Roma fin qui timorosa e piuttosto prevedibile.

Infatti, nel secondo tempo è un’altra gara, con i giallorossi subito in pressione. Il raddoppio arriva al 6’, con una ripartenza veloce di Menez che serve Aquilani, che infila Campagnolo dal limite con un bel sinistro. A questo punto, la gara è in discesa e ad approfittarne è soprattutto Menez, che mette in mostra diversi numeri interessanti (diamogli una mesata, e l’impressione è che possa fare davvero bene). La reazione della Reggina è nulla: qualche lancio lungo per Corradi, che fa quello che può (cioè poco), e ancor meno fa Brienza, messo in campo nel secondo tempo a cercare di dare brio alla manovra. Al 23’ Vucinic, dopo l’ennesimo spunto di Menez, conclude addirittura da terra, costringendo Campagnolo a una grande parata sotto la traversa. La partita del francesino finisce al 24’, con il ritorno in campo di Perrotta. Per Totti, invece, bisogna aspettare il 32’. A questo punto si ricostruisce il tandem d’attacco che dà dinamismo alla manovra della Roma (sebbene Perrotta parta da sinistra). Il risultato si vede subito: al 34’ verticalizzazione di Totti per Perrotta che colpisce il palo, ma partendo da posizione di fuorigioco (male i guardalinee, con diverse segnalazioni imprecise). Al 38’, ancora Panucci su azione di corner colpisce di testa dal centro dell’area, ma risponde bene Campagnolo. Al 42’ Riise, lanciato da Totti, conclude a lato con un discreto diagonale. Il terzo gol, meritato, arriva al 48’: punizione dal limite di Totti, respinta corta di Campagnolo e tocco vincente di Perrotta.

La Roma ha reagito, e questa è la buona notizia. Con il recupero di alcuni giocatori ritroverà anche il gioco. Brillanti le prove soprattutto di Brighi, di Menez e di Aquilani (oltre che del solito Panucci). Non smaltiti, invece, i problemi psicologici: nel primo tempo si è vista una Roma impacciata e molto timorosa. Ad altre squadre non si possono regalare 45 minuti. Mercoledì trasferta nella Genova rossoblù, dove sarà durissima.

 

Simone Luciani

 ROMA: Doni; Loria, Cassetti, Panucci, Riise; Brighi, De Rossi, Taddei, Aquilani (dal 42' s.t. Cicinho), Menez (dal 24' s.t. Perrotta); Vucinic (dal 32' s.t. Totti). (Artur, Mexes, Montella, Okaka). All.: Spalletti. REGGINA: Campagnolo, Lanzaro, Valdez, Cirillo, Costa, Vigiani (dal 17' s.t. Ceravolo), Barreto, Carmona, Barillà (dal 38' s.t. Hallfredsson), Di Gennaro, Corradi. (Puggioni, Alvarez, Santos, Tognozzi, Brienza). All.: Orlandi

ARBITRO: Gervasoni.

MARCATORI: Panucci al 46' p.t.; Aquilani al 6', Perrotta al 48' s.t..

NOTE: spettatori 30mila circa; ammoniti Valdez e Lanzaro per gioco scorretto; angoli 9-3 per la Roma. Recupero: 2' p.t. 3's.t.

[21-09-2008]

 
Lascia il tuo commento