Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cultura Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma
 
 

E' morto Stefano Rosso

il cantautore romano aveva 59 anni

Stefano Rosso

“Sono italiano” cantava dal palco del Festival di Sanremo nel 1980, ma la sua canzone più famosa rimane quella in cui fece capolino per la prima volta nella storia della canzone nostrana lo spinello; era “Una storia disonesta” e correva l’anno 1977, testo che gli fece vincere il telegatto di Sorrisi e Canzoni.

Stefano Rosso, cantautore scomodo della cosiddetta Scuola romana, è morto ieri sera; il prossimo 7 dicembre avrebbe compiuto 60 anni.

Cantante e cantautore, aveva debuttato insieme al fratello, formando il duo Remo e Romolo. E fu sempre con il fratello che avvenne il debutto discografico, con un 45 giri inciso nel 1969 con lo pseudonimo di “Arca di Noe”.

Nei suoi testi, sempre ironici e dissacranti, c’è l’impegno politico e sociale: tra i più noti “Bologna 77”, dedicata a Giorgina Masi, la ragazza uccisa a Roma durante una manifestazione del partito radicale. La sua musica concilia la canzone popolare romanesca con il country e il folk americano. I funerali si terranno domani mattina alle 10 nella chiesa di Santa Maria in Trastevere.

[16-09-2008]

 
Lascia il tuo commento