Giornale di informazione di Roma - Domenica 11 dicembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Il gran giorno di Vettel

Gp d'Italia condizionato dalla pioggia, spuntano gli outsiders. Benino Massa, male Kimi.

Vettel trionfa sul podio con Berger

Nel plumbeo cielo monzese non c'è posto per il sole, ma brilla di luce intensa l'astro nascente di Sebastian Vettel, che diventa coi suoi 21 anni il più giovane vincitore della storia della F1. Il tedeschino (che in qualche mese ha imparato più parole in italiano che Schumacher in sette anni), con la sorprendente Toro Rosso ha compiuto una impresa incredibile facendo valere le sue indubbie qualità di guida su asfalto bagnato. Alle sue spalle sono giunti un discreto Kovalainen e un ottimo Kubica che per una volta ha indovinato la strategia della vita, per risalire dall'undicesima alla terza posizione. E i big? Massa partiva sesto e sesto è giunto al traguardo. Quando cade la pioggia perde quasi tutto il suo potenziale, così alla fine aver rosicchiato un punto su Hamilton potrebbe essere un risultato non esaltante ma nemmeno disprezzabile. Lewis invece ha regalato grandi numeri e una decina di giri in cui ha ricordato qualcun altro che prima di lui correva con casco giallo sulla Mclaren. Se non avesse dovuto fermarsi ai box per montare le intermedie, avrebbe potuto anche finire ambire al podio, tuttavia, considerando il disatro delle qualifiche (quindicesimo tempo), può essere contento di aver limitato notevolmente i danni. Il Gp di casa è stato purtroppo amaro per gli italiani: Trulli fuori dalla zona punti e Fisico out per incidente. A Giancarlo resta la parziale consolazione di aver portato sabato la Force India per la prima volta a disputare la Q2.   A fine mese scopriremo se la f1 in notturna è solo una ridicola trovata di marketing o qualcosa di realmente interessante.

Giu.Cil. 

[14-09-2008]

 
Lascia il tuo commento