Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Io vi trover˛

di Pierre Morel. Con Liam Neeson, Maggie Grace

di Narda Liotine

L’agente segreto Bryan ha sacrificato l’unità della sua famiglia per servire gli Stati Uniti. Ormai in pensione si trasferisce a Los Angeles per tentare di ricucire il rapporto con la sua unica figlia. Nonostante sia fortemente combattuto le permette di partire per Parigi ma quando riesce a contattarla qualcosa di strano e pericoloso si sta verificando nell’appartamento e l’ex-agente dovrà sfoderare ogni arma in suo possesso per poterle salvare la vita.

Quando nei titoli di testa compare il nome di Luc Besson nel duplice ruolo di produttore e sceneggiatore del film quello già poco conosciuto del regista Morel passa definitivamente inosservato. Alla luce del precedente BANLIEU 13 (2004), film che non ebbe mai una distribuzione italiana, ci si aspettava qualcosa di meglio specie se nel progetto è implicato il padre NIKITA e LEON.

L’azione però non manca e il generatore instancabile capace di dare coerenza alle frequenti scene di violenza inaudita sembra essere proprio lo stesso Liam Neeson che da tempo immemore non interpretava un ruolo centrale e si svende ancora una volta a pellicole di scarso spessore artistico. Nel sovrabbondante succedersi di trovate e ritrovati tecnologici che circondano l’ex CIA Bryan si disperde la presunta urgenza di sviluppare più a fondo i personaggi spesso lasciandoli privi delle più semplici demarcazioni caratteriali.

Un’evidente marca bessoniana, una sbavatura macroscopica che favorisce l’azione più che la complessità narrativa e finisce per assottigliare il potere memorabile della pellicola. Appunto per la linearità della trama IO VI TROVERO’ non riesce a competere al botteghino con i thriller americani di mainstream con più sostanza in un involucro altrettanto buono e il film, che riesce a tenere alta l’attenzione del pubblico per i 60 minuti centrali, termina molto più sottotono di quanto ci si attenda accasciandosi in un finale che dice molto della sua assoluta vacuità.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - morel - neeson - besson
 

[09-09-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE