Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il dramma di Anzio

ragazza incinta uccisa da cocainomane

"Nelly sarà seppellita con il vestito da sposa". Lo ha detto il fratello del fidanzato di Nelly Gerardi, la venticinquenne incinta morta, nella notte tra mercoledì e giovedi ad Anzio, sul litorale romano, nello scontro con la macchina di Pietro Galasso, 20enne alla guida sotto effetto della cocaina. Galasso resta rinchiuso nel carcere di Velletri: per lui l'accusa è omicidio colposo aggravato dall'uso di sostanze stupefacenti, rischia una pena che va dai 3 ai 10 anni di reclusione.

Il funerale si terrà domani alle 15 nella chiesa di Santa Melania nel quartiere Axa, si è definito comunque "cognato" di Nelly e tuttora non riesce a rassegnarsi a quanto è successo.

Intanto si è conclusa l'autopsia sul corpo di Nelly Gerardi. Lo scontro con l'auto guidata da Galasso è stato violentissimo. Per Nelly, che stava rientrando a casa del fidanzato Gianluca ad Anzio, non c'è stato nulla da fare per il feto che portava in grembo. La camera ardente sarà allestita nella camera mortuaria dell'ospedale di Anzio. Sono invece stabili le condizioni del ferito che si trovava a bordo dell'Audi.

I carabinieri intanto sono al lavoro da questa mattina per cercare di individuare il pusher che mercoledì notte ha venduto la cocaina a Galasso. Gli uomini dell'Arma stanno passando al setaccio la zona dei locali di Anzio: secondo gli inquirenti tre dei quattro ragazzi a bordo dell'auto-killer avrebbero assunto la sostanza stupefacente nel corso della serata trascorsa tra pub e birrerie. L'attenzione dei carabinieri si sta quindi soffermando negli ambienti della microcriminalità locale.

 
 

[23-08-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE