Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Nuovi sotterranei all'Umberto I

bonificati i cunicoli delle polemiche

“Volevamo dimostrare che anche al Policlinico -ha detto il Presidente della Regione Piero Marrazzo - si può ristrutturare in tempi celeri e ci siamo riusciti”. Sono serviti 100 giorni per dare un nuovo volto ai corridoi sotterranei dell’Umberto I.

Dopo le ripetute inchieste che denunciavano l’abbandono e il degrado delle Gallerie Ipogee, l’intervento deciso della Regione e uno stanziamento di 28 milioni di euro ha permesso l’avvio dei lavori che ridanno ora piena agibilità alla rete che collega i quasi 50 padiglioni del Policlinico. L’inaugurazione in mattinata, alla presenza del Direttore generale Montaguti, il rettore della Sapienza Guarini, il vice-rettore Frati e del Presidente Marrazzo. Taglio del nastro con tanto di benedizione, che non è servita però a tener lontana la protesta dei precari dei serivizi esternalizzati dall’Umberto I. “Avevamo ricevuto delle promesse che entro il saremmo stati regolarizzati, invece ad oggi non siamo neanche stati ricevuti per trattare”, dice Graziella Bastelli dei Cobas Sanità. Una mattinata movimentata per il Presidente Marrazzo, dopo essere stato a colloquio prolungato con i manifestanti, è ritornato anche sui nodi critici della Sanità del Lazio. “Se il Governo non sbloccherà i fondi che ci spettano entro pochi giorni, il Lazio entrerà in una situazione di default – ha detto il Presidente Marrazzo –. Concordo con Palazzo Chigi che dovrà esserci massimo rigore sui controlli, anche sulla nomina di due sub-commissari, ma devono arrivare in fretta i fondi”.

Totalmente bonificati i quasi due km di cunicoli sono ora dotati di nuova illuminazione, pavimentazione e sistemi di aerazione. A partire da oggi prenderà poi il via la seconda parte dei lavori, che dovrebbe terminare nella primavera del 2009. Nelle gallerie troveranno definitivamente posto cavi e tubazioni. Previsti anche cablaggi informatici, telefonici, ottici, ma la novità più importante è la nomina di un responsabile per ognuno dei 22 tratti di tunnel che potranno contare anche su un sistema di videosorveglianza con circa 100 videocamere.

 
 

[01-08-2008]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE