Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

Il NY Times presenta la nuova stella del basket romano

Brandon Jennings alla Virtus

 di Simone Chiaramonte

Ha diciotto anni, è nato a Los Angeles ed è uno tra i più promettenti giovani talenti del basket statunitense. Dalla prossima stagione indosserà la casacca giallo-rosso-blu della Virtus Roma.
Brandon Jannings fa notizia nella capitale ma soprattutto negli States: è infatti il primo giocatore statunitense a passare dalla scuola secondaria direttamente al basket professionistico, saltando così la formazione universitaria.

Il New York Times discute di questa novità assoluta con uno dei prossimi compagni di Jannings, il playmaker della Virtus e suo connazionale Ibrahim Jaaber.

D: Come pensi possa essere il passaggio immediato dalla high school al basket professionistico?
R: Penso che dipenderà molto dal suo approccio mentale. Quando si è dei giovani giocatori, c'è molto da imparare facendo l'ingresso nelle competizioni professionistiche. Se affronta la situazione con la mente aperta e con la consapevolezza che ognuno cercherà di aiutarlo, per lui non dovrebbero essereci problemi. Sarei felice se facesse una grande stagione, deve solo avere la mente aperta.

 D: Le esperienze giovanili aiutano ad affrontare le tappe successive?
R: La mia esperienza a Roma è molto simile al college per quel che riguarda l'intensità e la pratica. Sono sicuro che il ragazzo si adatterà molto bene. E' competitivo ed ha fatto una buona scuola secondaria a Oak Hill. Ha già giocato ai massimi livelli. Potrebbe risentire fisicamente del calendario intenso ma la cosa più importante è che rimanga sempre ben concentrato sull'attitudine mentale di gioco.

D: Cosa deve aspettarsi dal nuovo coach Jasmin Repesa?
R: Per quel che ti posso dire io, è uno dei più bravi allenatori d'Europa, assolutamente uno dei migliori 5. Ha già vinto una European League e sono sicuro che ha avuto anche opportunità in NBA. Conosce bene il gioco e sa come sviluppare le potenzialità dei suoi giocatori. Riesce a canalizzare le esigenze di ciascuno nella migliore strada possibile.

D: So che il coach parla inglese ma la lingua può essere un ostacolo?
R: Non sarà un problema, nel basket europeo molti giocatori parlano inglese perchè magari aspiravano a giocare in NBA. In più nella tua squadra ogni anno ci sono due o tre americani.

D: Come hai fatto ad adattarti ad una nuova realtà culturale?
R: Sono semplicemente restato me stesso. Sono una persona cui piace viaggiare e sono consapevole di fare delle esperienze che molti altri ragazzi non vogliono affrontare. Per lui che proviene dalla California e Oak Hill, che è nel mezzo del nulla, non penso ci sarà molto da adattarsi.
David Hawkins, che ha giocato a Temple, mi ha preso sotto la sua ala protettrice fino a quando non ho trovato il mio ritmo.

D:
Sembri molto disponibile ad aiutare Brandon fuori dagli States.
R: Certo, anch'io ho fatto questa esperienza come giovane giocatore. Sono eccitato dall'idea di dover tornare a Roma. In più quest'anno abbiamo fatto una buona stagione, siamo arrivati sino alle finali. Chiunque fosse stato il giocatore a raggiungermi a Roma, io sarei stato molto emozionato. Ma questo ragazzo è un caso speciale.

 D: Domanda bonus per i lettori dei Knicks. Tu hai giocato contro Danilo Gallinari nel campionato italiano, cosa pensi del suo gioco?
R: E' veramente talentuoso. Penso che sarà impiegato al meglio in un sistema di West Coast offense( sistema offensivo che prevede molti passaggi sul corto) . Non so quali siano le intenzioni dei Knicks, con un nuovo coach ed un nuovo sistema, ma sono sicuro che Gallinari imparerà rapidamente e sarà utilizzato ad un ritmo di 15-20 giochi nella stagione. In quanto ad intelligenza di gioco, è assolutamente dotato. Un buon allenatore saprà poi sfruttare al massimo le sue potenzialità.

 


 Q & A: Ibby Jaaber on Brandon Jennings in Rome
One of Brandon Jennings’s teammates in Rome next year will be the former Penn guard Ibby Jaaber. With an assist from former Quad compadre and Ibby’s Penn teammate, Steve Danley, we got a hold of Ibby last night and he offered his perspective on how Jennings will fare with Virtus Roma next season. Leggi

 

[20-07-2008]

 
Lascia il tuo commento